cerca CERCA
Venerdì 12 Agosto 2022
Aggiornato: 03:13
Temi caldi

Ius Scholae, Famiglia Cristiana si schiera a favore: "Atto di giustizia"

05 luglio 2022 | 19.37
LETTURA: 1 minuti

"La nuova Italia nasce in classe"

alternate text
Immagine di repertorio (fotogramma)

Anche il settimanale dei Paolini Famiglia Cristiana si schiera a favore dello ius scholae: “Crea identità, non le sgretola. Prenderne atto, traducendolo in pratica il prima possibile, oltre che un atto di giustizia è esercizio di buonsenso”. Famiglia Cristiana sprona così la Camera ad approvare la nuova legge sulla cittadinanza, da oggi nuovamente in calendario a Montecitorio.

In un editoriale del giornale, da giovedì in edicola, il settimanale confida un timore e richiama alcune certezze. “Si rischia che anche questa legislatura termini con un nulla di fatto - scrive Famiglia Cristiana -. Sarebbe la seconda volta. Una riforma del diritto di cittadinanza cadde a un passo dal traguardo nel 2017, pochi mesi prima di andare al voto”.

Le certezze? “Questa legge sfugge alla tenaglia ius sanguinis-ius soli e ci consegna un’interpretazione originale della questione - osserva Famiglia Cristiana. Nelle nostre aule i figli degli stranieri già oggi vivono, parlano e sognano da italiani. Le nuove norme pongono classi e insegnanti al centro del processo di formazione dell’identità nazionale. Una conferma, non una novità. La scuola, per limitarci a un esempio, ha sigillato l’Unità del Paese forgiando generazioni di italiani post risorgimentali. Ha trasformato in sentire comune il desiderio di ripresa dopo la Seconda guerra mondiale”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza