cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 12:49
Temi caldi

Russia: Kalashnikov promotore di pace, produttore armi lancia rebranding

05 dicembre 2014 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

Lanciata a Mosca martedì scorso la 'spericolata' campagna di rinnovamento del marchio che produce il fucile d'assalto. L'ad del gruppo: "E' un simbolo russo conosciuto in tutto il mondo e riflette i nostri principi di affidabilità, responsabilità, efficienza tecnologica". Il business principale girerà attorno alla fusione del marchio storico con quello di fucili da caccia 'Baikal' e di fucili sportivi 'Izhmash'

alternate text
(Xinhua)

Il Kalashnikov è un "promotore di pace". E' la spericolata campagna di rebranding lanciata a Mosca dal noto produttore russo di armi. Una sorta di revisionismo pubblicitario con il quale la società, attraverso alcuni video promozionali, vuole rinnovare l'immagine dell'AK-47. "Il Kalashnikov è un simbolo russo conosciuto in tutto il mondo - ha detto l'amministratore delegato Alexei Krivoruchko - Il nuovo marchio riflette i nostri principi fondamentali: affidabilità, responsabilità ed efficienza tecnologica".

Secondo quanto riporta il Guardian, questo rinnovamento del fucile d'assalto non sfiora però il tema delle numerose guerre civili nelle quali l'AK-47 è stato usato come strumento di morte. Sviluppata dall'ingegnere sovietico Mikhail Kalashnikov nel 1947, l'arma - prodotta a Izhevsk, città nella regione degli Urali - è diventata rapidamente un punto di riferimento per i conflitti di tutto il mondo, per la sua facilità d'uso e la sua affidabilità.

Il business principale del produttore gira attorno alla fusione del marchio storico 'Kalashnikov' con quello dei fucili da caccia 'Baikal' e dei fucili sportivi 'Izhmash'. La società ha inoltre intenzione di introdurre una linea di abbigliamento sportivo e una di coltelli. Tutta l'operazione di rebranding, seguita da una società di pubbliche relazioni con sede a Mosca, ha un costo di 20 milioni di rubli (poco più di 300mila euro).

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza