cerca CERCA
Giovedì 27 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:46
Temi caldi

Kamikaze milionari

25 aprile 2019 | 07.24
LETTURA: 2 minuti

Tutti i terroristi della strage in Sri Lanka provenivano da famiglie di classe media o alta ed erano istruiti. Fra le 60 persone arrestate anche Mohamed Ibrahim, facoltoso uomo d'affari e padre di almeno due dei terroristi. Errore nel conteggio delle vittime, sono "circa 253" non 350

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

Sono nove i terroristi kamikaze che si sono fatti esplodere negli attentati di Pasqua in Sri Lanka e fra loro vi sono una coppia sposata e due fratelli. Lo ha reso noto il portavoce della polizia, Ruwan Gunasekera, spiegando che otto dei kamikaze sono stati identificati. L'unica donna del gruppo, moglie di uno dei kamikaze, si è fatta saltare in aria quando la polizia è arrivata alla sua abitazione.

Fra le 60 persone arrestate, c'è anche Mohamed Ibrahim, facoltoso uomo d'affari che è il padre di almeno due dei terroristi. L'uomo è il proprietario di una casa nel quartiere di Dematagoda a Colombo, dove la polizia ha condotto un raid poche ore dopo gli attentati. Tutti i terroristi provenivano da famiglie di classe media o alta ed erano istruiti. Uno di loro aveva compiuto studi in Gran Bretagna e Australia.

Secondo il ministro della Difesa dello Sri Lanka, Ruwan Wijewardene, i terroristi fanno parte di un gruppuscolo dissidente che si è staccato dal National Thowheed Jamaath, un oscuro gruppo estremista islamico. Il leader del gruppuscolo dissidente si è fatto esplodere all'hotel Shangri-La. Al momento non è chiaro il ruolo dello Stato islamico, che martedì ha rivendicato l'attentato. Wijewardene parla di un collegamento con l'Is "tramite l'ideologia e forse il finanziamento", ma su quest'ultima parte è ancora in corso l'indagine.

Intanto le autorità dello Sri Lanka hanno corretto il bilancio delle vittime degli attentati di Pasqua. I morti sono "circa 253", ha riferito il ministero della Sanità, secondo quanto riporta la Bbc. In precedenza, il bilancio era di oltre 350 morti. Il ministero ha attribuito la responsabilità a un "errore di calcolo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza