cerca CERCA
Domenica 25 Settembre 2022
Aggiornato: 12:21
Temi caldi

Kenya: uccisi 100 miliziani shebab dopo massacro del bus

24 novembre 2014 | 12.40
LETTURA: 2 minuti

Lo ha annunciato il vicepresidente William Ruto. Il massacro, in cui sono stati uccisi a freddo 28 non musulmani, era stato rivendicato dai miliziani integralisti

alternate text
(Xinhua)

Più di cento presunti membri di al-Shabab sono stati uccisi in Somalia dalle forze di sicurezza kenyane dopo l'attacco avvenuto sabato scorso contro un autobus, in cui sono stati uccisi a freddo 28 non musulmani. Lo ha annunciato il vicepresidente William Ruto. Il massacro era stato rivendicato dai estremisti del gruppo legato ad al-Qaeda.

"Le nostre forze di sicurezza hanno risposto prontamente, identificando, seguendo e colpendo gli autori dei questo efferato crimine" ha detto Ruto in una conferenza stampa riportata dal quotidiano Daily Nation spiegando che i raid contro le milizie Shabaab sono stati due. "La nostra azione di rappresaglia ha lasciato sul campo più di 100 morti e distrutto quattro nascondigli", ha aggiunto.

I miliziani hanno bloccato il veicolo, diretto a Nairobi, nella contea di Mandera, al confine con la Somalia. A bordo vi erano circa 60 persone tra funzionari del governo keniota, agenti di polizia, operatori sanitari e insegnanti. I passeggeri somali sono stati divisi dai kenioti. A questi ultimi sono stati fatti recitare dei versetti del Corano e chi sbagliava veniva ucciso con un colpo di pistola alla testa. Secondo le autorità, i jihadisti hanno dirottato l'autobus verso il confine con la Somalia, dove hanno compiuto la mattanza.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza