cerca CERCA
Venerdì 21 Gennaio 2022
Aggiornato: 15:08
Temi caldi

La Dynasty di Luxottica, ancora rumors sull'addio di Cavatorta

11 ottobre 2014 | 16.15
LETTURA: 3 minuti

Il nuovo amministratore delegato sarebbe in uscita ad appena un mese dalla nomina

alternate text
Leonardo Del Vecchio (Infophoto)

Un'esperienza di gestione slegata dalla proprietà, con almeno un decennio di 'reggenza' dell'ad Andrea Guerra, non impedisce alle vicende familiari di irrompere con prepotenza in Luxottica, il cui nuovo amministratore delegato Enrico Cavatorta sarebbe secondo i rumors a sua volta in uscita ad appena un mese dalla nomina. Seppure il mercato appaia ancora incredulo su un terremoto societario a così breve distanza dal precedente, si profila un'altra puntata di quella che sembra ormai una vera e propria Dynasty italiana. Con un ruolo da protagonista che al momento è interpretato dalla moglie del fondatore, Nicoletta Zampillo.

Gli ingredienti, nella vita dell'impero fondato dal patron Leonardo Del Vecchio, ci sono tutti: a partire proprio da lui, self made man per eccellenza, con un'infanzia trascorsa ai Martinitt, l'orfanotrofio di Milano in cui fu accolto dopo la morte del padre. Per diventare prima un negoziante di montature di occhiali con la bottega di Agordo aperta nel 1958, poi un imprenditore di successo, quindi il capo di quella che è diventata una multinazionale con un fatturato di quasi 7 miliardi. E ancora, come in ogni Dynasty, ci sono sei figli avuti da tre mogli diverse.

Del Vecchio ha inteso assicurare a tutti gli stessi diritti: per questo fonda la holding Delfin che controlla Luxottica con una quota del 67,7%. La società è divisa in parti uguali (16,38%) tra Claudio, Marisa e Paola, avuti dal primo matrimonio, Leonardo Maria (oggi ventenne, figlio della seconda moglie Nicoletta Zampillo con cui De Vecchio si risposa nel luglio del 2010), Luca (9) e Clemente (7 anni), frutto di una terza unione con Sabina Grossi, anche lei, ai tempi, nel cda. Nel board del gruppo siede il primogenito Claudio, 57 anni.

Ma oggi la moglie Nicoletta, sposata in prime nozze con il creatore del fondo Kairos Paolo Basilico, una bella signora mora che ha fatto dell'understatement la sua forza, avrebbe chiesto di contare di più negli equilibri del gruppo. Il suo obiettivo sarebbe arrivare al controllo del 25% della holding. Di più, secondo voci non confermate, con un ruolo diretto nella gestione del gruppo.

Intanto il figlio Leonardo Maria sarebbe candidato all'ingresso nel cda, dove in futuro la consorte di Del Vecchio vedrebbe di buon occhio l'ingresso del consulente e amico di famiglia Francesco Milleri. L'occasione sarebbe il board convocato alla fine del mese. I rumors vorrebbero che Leonardo Maria prenda il posto del primogenito Claudio, 57 anni, che è stato responsabile delle attività Usa del gruppo fino a decidere di mettersi in proprio acquisendo lo storico marchio Brooks Brothers.

Se si dovessero riscrivere gli equilibri raggiunti pensando alla successione, il dossier sarebbe all'esame dello Studio legale Erede, consulente storico di Del Vecchio. Ma non è escluso il colpo di scena: il fondatore di Luxottica, 80 anni il prossimo 22 maggio, in caso di uscita di Cavatorta potrebbe, viste le possibili future querelle familiari, addirittura tornare ad occuparsi in prima persona della gestione dell'azienda con possibili riflessi sull'azionariato. Già dopo l'addio dell'ad, del resto, la presidenza di Del Vecchio è tornata ad essere 'operativa'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza