cerca CERCA
Venerdì 28 Gennaio 2022
Aggiornato: 17:36
Temi caldi

La Festa del Falò di Rocca San Casciano, i due rioni in gara per il fuoco più grande

08 aprile 2015 | 09.33
LETTURA: 2 minuti

L'11 e il 12 aprile nel paese romagnolo si rinnova la competizione per la costruzione e l'accensione dei giganteschi 'spini'. Un'antica tradizione che coinvolge tutto il borgo

alternate text

A Rocca San Casciano in provincia di Forlì-Cesena torna l'11 e il 12 aprile l'appuntamento con la “Festa del Falò” che vede i due rioni del paese, il Borgo e il Mercato costruire e dare fuoco a giganteschi pagliai per contendersi il titolo di “miglior incendiario”. La festa ha radici antichissime e, secondo la tradizione, i falò erano dedicati a San Giuseppe tanto che un tempo si svolgeva il 18 marzo, la sera prima della festa del santo. I due pagliai, in origine fatti solo con rovi e sterpaglie, sono ancora oggi chiamati spini e la loro preparazione e la successiva accensione rappresentano un vero e proprio rito che prevede anche un attento controllo dei due covoni in gara. E' infatti vietato l'utilizzo di qualsiasi prodotto chimico per aumentare le fiamme. La festa coinvolge tutto il paese ed è accompagnata anche dalla sfilata di carri allegorici, fuochi d'artificio e balli in piazza fino a notte fonda. www.festadelfalo.it

(Adnkronos/Travelnews24.it)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza