cerca CERCA
Venerdì 25 Giugno 2021
Aggiornato: 03:41
Temi caldi

La Germania corre sui computer quantistici e investe 2 mld

11 maggio 2021 | 17.38
LETTURA: 1 minuti

5 anni per costruire una 'super-macchina', il ministero della Ricerca investirà 1,1 mld mentre il ministero dell'Economia 878 mln di euro

alternate text

La Germania corre sull'informatica quantistica e annuncia un investimento da 2 miliardi di euro per sviluppare computer quantistici. L'obiettivo del governo tedesco é costruire entro i prossimi 5 anni un computer quantistico competitivo e creare un ecosistema associato di potenziali utenti. L'annuncio è arrivato dal ministro della Ricerca tedesco, Anja Karliczek, parlando a Berlino. "La tecnologia quantistica - ha sottolineato Karliczek - è una delle chiavi del futuro, ci consentirà di garantire comunicazioni assolutamente sicure, di fare passi da gigante nelle tecnologie mediche attraverso sensori altamente sensibili, o di affrontare, attraverso il calcolo quantistico, problemi prima insolvibili nella logistica o nella ricerca di materiali".

Sul totale dei 2 miliardi di euro di investimento, 1,1 miliardo sarà investito dal ministero della Ricerca e 878 milioni di euro dal ministero dell'Economia. Un computer quantistico non memorizza le informazioni sotto forma di bit, vale a dire uno o zero come fa un normale computer, ma memorizza le informazioni in qubit che possono essere entrambi gli stati contemporaneamente: in altre parole uno e zero. La particella quantistica mantiene entrambi gli stati finché non la guardi o la misuri. Ciò significa che i computer quantistici possono teoricamente essere molte volte più veloci e più potenti dei computer convenzionali.

Lo scopo del progetto tedesco è quindi sviluppare un prototipo di computer con 24 qubit completamente funzionali. Entro cinque anni, Berlino vuole una macchina competitiva con almeno 100 qubit controllabili individualmente. Attualmente, i computer quantistici più grandi sono un computer a 65 qubit di Ibm e un sistema a 54 qubit di Google. (di Andreana d'Aquino)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza