cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 16:44
Temi caldi

Domenica 18 maggio

La Giornata delle Oasi del Wwf a sostegno del Triangolo Verde amazzone

13 maggio 2014 | 16.25
LETTURA: 4 minuti

alternate text

La foresta Amazzonica negli ultimi 50 anni ha perso quasi un quinto della sua superficie, compresi animali e risorse naturali preziose per le popolazioni locali e di tutto il pianeta. Per questo, la Giornata delle Oasi del Wwf di domenica 18 maggio sarà a sostegno del progetto Triangolo Verde dell'Amazzonia per difendere dalla deforestazione un'ampia zona al confine di 3 Stati: Ecuador, Colombia e Perù. Il Wwf ha previsto appuntamenti nelle Oasi di tutta Italia, con visite guidate gratuiteed eventi speciali.

''La giornata delle Oasi che il ministero dell'Ambiente è lieto di patrocinare anche per l'edizione 2014, pone l'accento su due temi che ritengo fondamentali: la difesa e la valorizzazione del patrimonio naturalistico nazionale e la grande sfida globale dei cambiamenti climatici, nell'ambito della quale il ruolo della foresta amazzonica, grande polmone verde del mondo, è decisivo", dichiara il ministro dell'Ambiente Gian Luca Galletti.

"Il Wwf, con la sua gestione di tante oasi rappresenta il paradigma di una visione virtuosa del bene ambientale, che è risorsa di biodiversità ma anche volano di sviluppo, nella misura in cui sapremo utilizzare le nostre oasi come attrattiva per un turismo sostenibile - continua Galletti - Sul fronte internazionale l'Italia è in prima linea in Europa nella definizione di obiettivi ambizioni di decarbonizzazione dell'economia ma, soprattutto, nel prossimo semestre di guida Ue, dovrà essere capace di porsi autorevolmente in tutte le assise internazionale, come motore di un nuovo modello di sviluppo globale".

Un modello, conclude il ministro dell'Ambiente, "che punti non al consumo ma al risparmio delle risorse naturali e fornisca risposte convincenti, e quindi economicamente e tecnologicamente valide, alle esigenze di crescita di tanta parte del mondo che reclama, giustamente, condizioni di vita migliori e livelli di benessere diffuso paragonabili a quelli occidentali''.

Domenica 18 maggio, oltre alle visite guidate, ci saranno eventi speciali dal nord al sud: a Vanzago i volontari saranno impegnati nella manutenzione del bosco, a Macchiagrande e Alviano laboratori per bambini, in Abruzzo nelle Gole del Sagittario si andrà alla scoperta delle piante medicinali, a Ripa Bianca di Jesi, dove l'esondazione del fiume Esino ha provocato danni alle strutture dell'Oasi, giornata scientifica dedicata al fiume, a Valmanera sentieri da inaugurare in onore delle foreste.

A Miramare si inaugura la stagione di uscite in mare, a Orbetello inanellamenti e visite dedicate all'ornitologia con laboratori e attività per bambini. Liberazioni di uccelli recuperati dopo le cure del Wwf in molte Oasi, da Angitola in Calabria a Valpredina nelle prealpi bergamasche. Rilascio in libertà di uccelli guariti anche a Monte Arcosu. Nell'Oasi di Ghirardi una giornata dedicata a Ermanno Stradelli, uno dei più importanti esploratori dell'Amazzonia originario del luogo.

Fino al 18 maggio il Wwf invita a sostenere il Progetto Triangolo Verde con sms o chiamata da fisso al 45505 (http://www.wwf.it/amazzonia/). Il progetto si sviluppa nel bacino centrale del fiume Putumayo, una delle aree amazzoniche più ricche di biodiversità, e punta a tutelare questo ambiente e a valorizzare i servizi ecosistemici che la natura produce (regolazione clima, approvvigionamento acqua e risorse naturali, energia e combustibili) sviluppando per le popolazioni locali economie alternative per l'approvvigionamento di risorse fluviali e forestali (pesca, legname), promuovendo all'interno delle comunità cooperative e associazioni di produttori (cacao, caffè) che seguano processi ecologicamente sostenibili e valorizzando il patrimonio culturale.

Inoltre punta ad una gestione integrata di quest'area così estesa (circa 1,6 milioni di ettari) da parte delle 3 aree protette coinvolte in Colombia (Parco Nazionale di La Paya), Ecuador (Riserva Cuyabeno) e Perù (Area Protetta Gueppi). Il Wwf vuole promuovere accordi transfrontalieri e il coordinamento tra tutti i livelli (nazionale, locali e di comunità) per aumentare sia il territorio protetto che una gestione efficace degli ecosistemi. Il costo complessivo del progetto è di 1 milione e mezzo di euro l'anno.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza