cerca CERCA
Sabato 16 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:32
Temi caldi

La prima volta di Papa Francesco a Milano, 700mila fedeli ad attenderlo /Video

24 marzo 2017 | 18.09
LETTURA: 9 minuti

alternate text
(Foto Afp) - AFP

Sette appuntamenti in meno di 11 ore. Cronoprogramma serratissimo per la prima volta di Papa Francesco a Milano. Che ancora una volta rivolge la sua attenzione soprattutto agli 'ultimi'. Tra l'Angelus in Duomo e la Santa Messa al parco di Monza (700mila iscritti a partecipare), Bergoglio sceglie di incontrare i carcerati e chi vive in condizioni di disagio. Porta la sua pastorale nelle periferie e a San Vittore, parla con le famiglie, incontra gli abitanti del quartiere, pranza con 100 detenuti.

I NUMERI

Sono 700mila i fedeli iscritti per partecipare alla Santa Messa a Monza, 78mila interverranno a San Siro per l'incontro con i cresimandi. Diecimila i fedeli in Piazza Duomo e altri 6000 nel perimetro esterno; nel sagrato del Duomo aree riservata 1000 prelati. 'Arruolati' 3.700 volontari, mentre saranno 200 gli agenti delle polizie locali, 106 squadre di intervento, 1600 uomini delle forze dell'ordine e 66 treni speciali per Monza; 10mila fedeli con pass per le case Bianche.

IL PROGRAMMA

La giornata comincerà di buon mattino con il decollo da Roma Fiumicino alla volta di Linate. L'atterraggio è previsto per le 8 e in quel momento le campane delle 1107 parrocchie della diocesi suoneranno a festa su invito dell'arcivescovo di Milano il cardinale Angelo Scola. Dallo scalo cittadino, dopo un breve saluto ai dipendenti, papa Francesco si dirigerà direttamente al quartiere delle Case Bianche di via Salomone, un quartiere periferico, nella zona sud est della città. Qui è previsto l'incontro con due famiglie prima e successivamente, nel piazzale delle case Bianche, i residenti.

Quindi un altro incontro con i rappresentanti di famiglie rom, islamici, immigrati, abitanti del quartiere. Dopo le Case Bianche il programma prevede che il santo Padre raggiunga il Duomo. Qui incontrerà i sacerdoti e riceverà il saluto del cardinale Scola. Quindi, s ul sagrato, terrà l'Angelus e la benedizione dei fedeli. Un evento raro, se si pensa che il precedente risale al 1983 con Papa Giovanni Paolo II che, però, si affacciò dal balcone della facciata della cattedrale. Blindata la piazza anche se l'accesso non sarà vincolato a una previa iscrizione o registrazione. Potranno accedervi tutti coloro che la piazza potrà contenere. Bloccati gli accessi laterali e alle spalle del Duomo. L'ingresso sarà consentito dalle sole vie Dante, Torino e Mazzini. Chiusa anche la fermata Duomo della metropolitana.

Tappa successiva al carcere di San Vittore, dove Francesco incontrerà i detenuti e pranzerà con 100 di loro nel terzo raggio. Il menù è tipicamente milanese: risotto giallo, cotoletta con patate, panna cotta. Spazio per un breve riposo (il Papa ha chiesto di poter stare in una stanza per una mezz'ora. Avrà a disposizione la stanza del cappellano), quindi alle 13.45 trasferimento al parco di Monza a bordo della Papa Mobile scoperta. Sempre in auto, conclusa la cerimonia andrà a San Siro per l'incontro con i cresimandi che è previsto per le 17.30. Francesco risponderà alle risposte di un cresimato, di un genitore e di un catechista. San Siro sarà l'ultimo degli appuntamenti. Il congedo è previsto alle 18.30 e l'arrivo a Roma alle 19.30.

SICUREZZA

Imponente il dispiegamento delle forze dell'ordine per garantire la sicurezza lungo tutto il percorso: 2500 uomini forze ordine, 191 vigili del fuoco e 4.190 volontari della protezione civile, 110 squadre a piedi di soccorso sanitario e 64 ambulanze. Numeri da affiancare ai 1.200 uomini e donne della polizia locale con 520 pattuglie e motociclisti, mentre altre 30 pattuglie e 60 uomini si aggiungeranno a Monza per la Messa dove già sono scattate tutte le misure di bonifica.

Il prefetto di Milano, Luciana Lamorgese, ha annunciato che dal Centro di gestione e coordinamento di via Drago sarà possibile seguire dagli schermi tutti i luoghi degli eventi. E la piattaforma 'Ecosistema E015' consentirà una comunicazione condivisa in tempo reale: dalla presenza del traffico, all'affluenza nei pronto soccorso, a precise previsioni meteo. A Monza, nel parco, vi sarà un altro centro interforze dedicato alla sicurezza. Vi sarà anche un elicottero per il soccorso nell'area nell'autodromo.



Comune e Atm ricordano che dalle 11 alle 17 è chiusa la stazione di Lotto,dalle 11 a fine evento San Siro, da inizio servizio alle 13 Duomo, dalle 17 a fine evento Segesta, da inizio servizio alle 14 Sesto. Il consiglio è di raggiungere Monza con il treno per il quale è tassativa la prenotazione. Ci sarà anche un servizio di navette da Bignami a Monza (piazza Virgilio). operazioni di bonifica anche in Duomo (nelle prossimità è fatto divieto di vendere alcolici) e San Siro.

I GADGET-RICORDO

A tutti i fedeli che parteciperanno alla giornata di domani verrà consegnata una sciarpa con l'azzurro dell'Argentina e il giallo del Vaticano. Stampata in un milione di pezzi, unico oggetto di ricordo, verrà regalata in ognuno dei momenti della visita e a coloro che si assieperanno lungo i percorsi.

IL PALCO DELLA MESSA A MONZA

Un simbolo dell’incontro tra culture e fedi, un omaggio al luogo che ospiterà l’evento. Sono queste le linee essenziali del palco (ideato dall’architetto Claudio Santucci) su cui papa Francesco celebrerà la Messa al parco di Monza alle 15. Due grandi torri laterali, in alluminio e ferro, sorreggeranno la copertura, come i pilastri di un grande ponte gettato da un lato all’altro del lungo frontale a evocare lo scambio e l’incontro. Sullo sfondo, la scenografia realizzata con pannelli in legno, su cui, con un lavoro di intaglio, è stata riprodotta la stessa decorazione del Duomo di Monza, incluso il caratteristico rosone. La struttura è lunga 80 metri, profonda 30, con un piano di calpestio alto da terra 3 metri per consentire la massima visibilità.

Sulla sinistra è prevista la grande tribuna a gradoni da 500 posti che ospiterà il coro e la pedana per i 40 membri dell’orchestra; al centro la zona su cui sarà montato l’altare liturgico e le sedute dei celebranti; a destra la zona riservata ai disabili. Saranno installati 6 maxi schermi 10x8 metri (2 sul palco e gli altri 4 sui lati a destra e sinistra) e 25 torri di rimando del segnale audio e video sparse per i 400mila metri quadri di prato.

I VOLONTARI

Sono 3.700 persone si sono rese disponibili come volontari per collaborare all'organizzazione. Un numero superiore alle attese e alle esigenze individuate in 3000 unità.Si occuperanno dell’accoglienza, del servizio d’ordine e dell’animazione, favorendo gli accessi lungo i percorsi e ai luoghi della Visita del Papa, in particolare il Parco di Monza ma anche Piazza Duomo e San Siro.

L’età media dei volontari è di 38 anni, il 26% ha meno di 30 anni. Il 56% sono donne, il 44% uomini. La città di Milano è quella che ha maggiormente risposto all’appello con il 38% di presenze, seguita dalle zone di Monza (19%), Rho (16%), Varese (11%), Sesto (7%), Lecco (5%) e Melegnano (4%). Volontari in arrivo anche dalle altre 9 diocesi della Lombardia, in primis da quella di Brescia.

Numerosi i volontari di nazionalità straniera: prima su tutte la comunità filippina di Milano presente con oltre 300 volontari, insieme a indiani, ecuadoregni, brasiliani e tanti altri volontari da ogni parte del mondo. In netto vantaggio gli studenti (27 su 100) rispetto ai pensionati (9 su 100).

I FEDELI

A poche ore dall'arrivo del Santo Padre restano aperte le iscrizioni on line, mentre sono già 700mila i fedeli che si sono registrati per la Messa a Monza: 600mila lo hanno fatto, presentandosi in parrocchia, 100mila utilizzando il sito internet www.papamilano2017.it e l’App Papa a Milano 2017. Gruppi di fedeli arriveranno da tutta la diocesi: dalle località più remote, come da quelle più vicine all’evento. Ad esempio, in 71 si muoveranno dalla parrocchia di San Martino, comune di Perledo, scendendo dalla cima al lago di Lecco. In 2.900, invece si sposteranno da Brugherio.Da Vedano al Lambro 3.500 persone (quasi un abitante su due) varcheranno i cancelli del Parco già dalla mattina per attendere il Santo Padre.

Altri arriveranno da altre province: alcune decine di migliaia di fedeli da Bergamo, Brescia, Como, Crema, Cremona, Lodi, Mantova, Pavia, Vigevano. Attesi anche gruppi da fuori regione: da Trento, Piacenza, Tortona, Alessandria.

Tra i fedeli che verranno alla Messa ci saranno anche 500 militari con le loro famiglie (complessivamente 1.700 persone), dei corpi della Guardia di Finanza, dei Carabinieri, dell’Esercito e dell’Aeronautica. Saranno 230 i pellegrini che verranno a piedi al Parco di Monza, passando per i santuari della Madonna del Borgo a Lissone e della Madonna della Misericordia di Vedano al Lambro, due dei 50 santuari mariani che compongono il cammino di Sant’Agostino, uno degli itinerari spirituali più noti della Lombardia. Significativa anche la presenza delle scuole: Oltre un centinaio i gruppi degli istituti medi-superiori (ogni gruppo conta fino a 50 persone). Mille gli studenti dell’Università Cattolica.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza