cerca CERCA
Domenica 09 Maggio 2021
Aggiornato: 00:32
Temi caldi

Alimenti: Assocarni, produzione di carne non toglie risorse al pianeta

22 ottobre 2014 | 16.29
LETTURA: 3 minuti

E' quanto emerge dal progetto ''Carni sostenibili' promosso dalle principali associazioni di categoria delle filiere di carni italiane - Assocarni, Assica e UnaItalia

Dalla piramide alimentare alla clessidra ambientale, per dimostrare che il consumo e la produzione di carne in Italia sono sostenibili sotto tutti i punti di vista. E' questo il messaggio dell'evento promosso dalle principali associazioni di categoria delle filiere di carni italiane - Assocarni, Assica e UnaItalia -, che questa mattina all'Expo Gate di Milano hanno presentato i risultati di uno studio che ha coinvolto esperti della nutrizione, della salute e della sostenibilità ambientale. Il progetto, intitolato ''Carni sostenibili'' e consultabile al sito www.carnisostenibili.it, è il primo nel suo genere prodotto in Italia nonché il primo ad unire le tre principali associazioni.

''Abbiamo dimostrato che mangiare carne in maniera equilibrata è sostenibile'', ha dichiarato Francois Tomei, direttore dell'Associazione nazionale industria e commercio carni, secondo il quale ''la produzione di carne non toglie risorse al pianeta''. Un messaggio che il settore alimentare della carne italiana intende portare al Padiglione Italia di Expo 2015, un appuntamento su cui tutta l'alimentazione nazionale si sta preparando.

L'immagine al centro dell'evento, presentato dal giornalista televisivo Alessandro Cecchi Paone, è stata la clessidra alimentare, simbolo dell'equilibrio esistente tra l'impatto ambientale creato dal consumo di carne e quello sviluppato da altri alimenti. Secondo il rapporto, infatti, la bassa quantità di carne prevista nella dieta mediterranea ne compenserebbe l'impatto ambientale derivante dal grande utilizzo di acqua, pascoli e trasporti pesanti, rendendolo più simile a quello della filiera alimentare vegetale.

A differenza di altri studi condotti sulla materia, quello curato dall'ingegner Massimo Marino per le associazioni di categoria parte dall'analisi del cosìddetto ''consumo reale'' pro capite, che esclude dal peso della carne le parti non edibili. Ne risulta così un'alimentazione carnivora più bilanciata, in linea con i dettami della dieta mediterranea e non lontana, come impatto ambientale, dal consumo e produzione di vegetali. Sarebbero infatti 7,5 i chili di anidride carbonica emessi dalle 14 porzioni settimanali consigliate dai dietologi, a differenza dei 6,7 prodotti dalle 35 porzioni di frutta e ortaggi.

Secondo i dati forniti dal progetto ''Carni sostenibili'', il settore carni in Italia genera un valore economico di 30 miliardi di euro all'anno, rispetto ai circa 180 dell'intero settore alimentare e ai 1500 del Pil nazionale. Le differenze tra le tre principali filiere si trovano tuttavia nella bilancia commerciale, che vede quella bovina al primo posto per importazioni (circa il 40% del totale consumato in Italia), seguita dalla suina (al 35%, a fronte di una forte esportazione di salumi) e infine l'avicola, definita ''neutra''.

La produzione si concentra particolarmente nel nord Italia, dove viene allevata la gran parte degli animali presenti sul territorio nazionale (il 70% dei bovini, i quattro quinti dei suini e i due terzi dei volatili). Settori che in totale impiegano circa 180mila addetti, per la gran parte impegnati nella filiera bovina.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza