cerca CERCA
Giovedì 05 Agosto 2021
Aggiornato: 22:43
Temi caldi

La proposta di Crisanti: "Geolocalizzare chi entra nei luoghi pubblici"

07 giugno 2021 | 19.02
LETTURA: 1 minuti

"Ogni volta che una persona entra in un cinema, in uno stadio, in un ristorante scannerizza un codice QR"

alternate text
(Fotogramma)

Gelocalizzare chi entra nei luoghi pubblici aiuterebbe la guerra contro il coronavirus. Ne è convinto il virologo Andrea Crisanti, che propone anche per l'Italia il "giusto compromesso" che "è stato trovato in Inghilterra: ogni volta che una persona entra in un cinema, in uno stadio, in un ristorante", insomma "in un luogo pubblico, scannerizza un codice QR e immediatamente si sa che è stata lì".

Quindi "non una geolocalizzazione continua, in ogni singolo istante", ha precisato ad 'Agorà' su Rai 3 il direttore del Dipartimento di medicina molecolare dell'università di Padova, bensì appunto "un compromesso" che "non mi pare - sottolinea - una grande deroga al diritto di privacy".

"Nel momento in cui uno paga con la carta di credito, o con App o con qualsiasi altro strumento, è chiaro che in quel momento già delega tutti i suoi diritti di privacy", fa notare lo scienziato. "Noi siamo continuamente tracciati per fini commerciali - aggiunge - La privacy è il recinto legislativo attraverso il quale le grandi compagnie gestiscono il loro business. Sarei dell'idea di scardinare questa cosa, di abolire la privacy, perché è il solo modo per rompere questi monopoli".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza