cerca CERCA
Martedì 18 Gennaio 2022
Aggiornato: 00:10
Temi caldi

Festival delle migrazioni

La provocazione di Acquaformosa: "Ecco la t-shirt 'Salvini è nu tamarro', speriamo ne prenoti una"

18 agosto 2015 | 15.24
LETTURA: 2 minuti

alternate text

La maglietta 'Salvini è nu tamarro' è pronta. La provocazione animerà dal 21 al 25 agosto il Festival delle migrazioni ad Acquaformosa, centro del Pollino che ospita numerosi extracomunitari ed è uno dei comuni più attivi del progetto Sprar.

Nei giorni scorsi l'assessore Giovanni Manoccio, che da sindaco aveva fatto votare una delibera per 'deleghistizzare' il comune, aveva polemizzato con il leader della Lega per le sue dichiarazioni contro i migranti.

Tamarro è un termine oggi utilizzato in un'accezione negativa di zotico ma la sua origine è araba e significa commerciante di datteri. La scritta sulla maglietta è stata riportata anche in lingua arbereshe, viste le origini di Acquaformosa, e in arabo.

Il ricavato della manifestazione sarà devoluta alle popolazioni di Rossano e Corigliano, colpite di recente dall'alluvione. Proprio lì il sindaco e i ragazzi dei progetti Sprar sono andati nei giorni scorsi a spalare fango. "Altro che 'ndrangheta, qui da noi c'è la passione e la solidarietà", commentava Manoccio. E sulla maglietta provocatoria dice: "Speriamo che anche Salvini ne prenoti una".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza