cerca CERCA
Venerdì 03 Dicembre 2021
Aggiornato: 14:02
Temi caldi

ecommerce

La ricerca della chiave universale per l'ecommerce

07 luglio 2021 | 12.37
LETTURA: 3 minuti

Il punto è l'integrazione in un'unica piattaforma di tutti gli operatori e i servizi ecommerce: round da 5 milioni di dollari per la fiorentina ShippyPro, il software che automatizza le spedizioni

alternate text

Nel momento d’oro per l’e-commerce, con lo slancio guadagnato nei mesi di pandemia che non accenna a diminuire, la scommessa passa sulla logistica. “Durante la pandemia le supply chain hanno sofferto sotto il peso della domanda, con disagi per tutti” spiega sul suo sito Radial, provider di logistica B2B e B2C tra i maggiori al mondo. Ma dopo l’iniziale momento di panico e accaparramenti sia nei negozi fisici che online la catena di distribuzione e consegne si è consolidata, e, aggiungono “è fondamentale capire quali trend innescati dalla pandemia sono destinati a restare”.

Sono in tanti i consumatori che non tornerebbero alle abitudini di shopping pre-pandemia, soprattutto per l’acquisto di abbigliamento e generi alimentari, e il mondo del retail deve fare i conti con uno spostamento online destinato a restare. I leader dell’ecommerce come Amazon e Zalando hanno messo in campo investimenti miliardari nel campo della ricerca per rendere il processo di spedizione e reso il più fluido e rapido possibile, e lo hanno fatto con successo, ma questo ha alzato molto le aspettative dei consumatori nel momento in cui acquistano qualcosa online.

I brand più piccoli per rimanere competitivi non devono solo proporre prezzi concorrenziali, ma anche trovare il modo di rendere la propria logistica al livello di quella dei giganti, uno sforzo che da soli non possono compiere. Da questa intuizione nascono software e piattaforme che integrano marketplace, sistemi di pagamento e servizi di spedizione e forniscono agli e-commerce soluzioni già pronte per gestire acquisti, spedizioni e resi. Tra le leader di mercato c’è anche un’italiana, la fiorentina ShippyPro, startup fondata nel 2016 e già operativa in 36 paesi con clienti come Calzedonia, Diesel e Guess che ha appena raccolto nell’ultimo round di investimenti fondi per 5 milioni di dollari.

L’obiettivo di ShippyPro è quello di offrire una tecnologia universale che aiuti gli e-commerce ad aumentare la velocità e l'efficienza della consegna, automatizzare il monitoraggio e i resi e gestire la complessità della spedizione transfrontaliera, grazie all’integrazione con oltre 140 corrieri e 60 canali di vendita. Quartier generale a Firenze ma vocazione globale, 50 dipendenti di 7 nazionalità diverse che lavorano da 5 Paesi, e 100 nuove assunzioni in programma nei prossimi 12 mesi. Il round Series A da 5 milioni di dollari appena ricevuto consentirà a ShippyPro di continuare a implementare la propria offerta, attraverso il rilascio di nuove funzionalità per aiutare i clienti a ottimizzare i loro processi di evasione degli ordini e risparmiare budget sulla spesa logistica, inclusa la funzionalità per la riduzione dell’impatto di CO2 delle consegne.

Simile al successo di Zip24, piattaforma nata a Dubai che integra marketplace come Shopify, Opencart e Woocommerce con software proprietari di gestione degli inventari e di logistica delle spedizioni ultimo miglio compreso. Anche Zip24 ha appena raccolto i frutti del suo primo round di finanziamenti, con 1,2 milioni di dollari che conta di impiegare per rafforzare la sua presenza in Uzbekistan come testa di ponte verso l’Asia centrale e programmare un’espansione nel Regno Unito dove già sono presenti i suoi uffici londinesi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza