cerca CERCA
Mercoledì 22 Settembre 2021
Aggiornato: 00:14
Temi caldi

La ricerca

La salute del neonato dipende da tipo di parto e allattamento

01 marzo 2017 | 18.33
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Xinhua)

Il tipo di parto e l'allattamento influenzano la salute dell'intestino dei neonati. A rivelarlo è una ricerca del Dipartimento qualità alimentare e nutrizione del Centro ricerca ed innovazione della Fondazione Edmund Mach, coordinata dall'University College Cork (Irlanda) e pubblicata sulla rivista 'Microbiome'. Lo studio ha caratterizzato l'intestino durante la prima infanzia, dalla nascita ai sei mesi, confermando l'importante ruolo svolto dal microbiota intestinale sulla salute e sul benessere umano.

Considerando, in particolare, l’evoluzione nel tempo del microbiota intestinale e analizzando i metaboliti presenti nelle urine dei neonati a quattro settimane di età, gli studiosi hanno osservato sperimentalmente che il tipo di parto (naturale o cesareo, a termine o prematuro), e la modalità di allattamento (al seno o artificiale) influenzano notevolmente la composizione del microbiota, determinando in particolare il profilo dei batteri intestinali e la loro produzione metabolica. Indirettamente la ricerca 'premia' la modalità di parto naturale e l'allattamento al seno.

Il microbiota intestinale, sottolineano i ricercatori Fem, è considerato sempre più a livello scientifico un super-organo che risulta composto da un numero di batteri superiore rispetto al numero totale di cellule che compongono l'intero corpo umano e appartenenti a circa un migliaio di specie diverse. Questi 'coinquilini' vivono in stretto e mutualistico contatto con la mucosa intestinale.

I ricercatori del dipartimento - spiega Fem in una nota - hanno usato avanzate tecnologie che permettono di ottenere un profilo 'olistico' dell’insieme dei metaboliti presenti nelle urine. Questo ha permesso di esaminare nel dettaglio come, subito dopo la nascita di un bambino, la colonizzazione nell'intestino impatti sui metaboliti secreti nelle urine dei neonati. "Questo risultato è importante - dichiarano Kieran Tuohy, Marynka Ulaszewska e Fulvio Mattivi - perché la comunicazione metabolica tra ospite umano e batteri intestinali svolge un ruolo regolatore importante per la salute umana, non solo nell'infanzia, durante la quale il microbiota si sviluppa gradualmente, ma anche in tutta la vita".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza