cerca CERCA
Giovedì 30 Giugno 2022
Aggiornato: 11:30
Temi caldi

Salute: insegnarla a scuola si può, progetti in diverse Regioni

02 settembre 2014 | 15.08
LETTURA: 3 minuti

alternate text

(Adnkronos Salute) - Il ritorno a scuola è alle porte, così come quello di raffreddori, malattie esantematiche, pidocchi e malanni vari che si manifestano tra bambini e ragazzi durante l'anno scolastico. "Insegnare ai giovanissimi alunni a difendersi si può, come dimostra l'esperienza delle 'lezioni di igiene, salute e sana alimentazione' avviate in alcune Regioni italiane, fra cui la Puglia, ma anche l'Emilia Romagna, la Toscana e il Veneto". A spiegarlo all'Adnkronos Salute è il presidente della Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (Siti), Michele Conversano, convinto che "l'igiene si può e si deve insegnare a scuola".

"Si tratta di progetti articolati, apprezzati non solo dagli alunni ma anche dagli insegnanti, e che a volte coinvolgono gli stessi genitori. In Puglia, ad esempio - dice Conversano, che è anche direttore del Dipartimento di prevenzione della Asl di Taranto - dopo un'esperienza pilota di 10 anni a Taranto, è stato siglato un accordo tra Regione e Ufficio scolastico regionale in cui proponiamo a tutte le scuole progetti mirati su temi importanti, dalla dieta sana alla corretta igiene. E si organizzano anche lezioni mirate". Progetti studiati dai Dipartimenti di prevenzione delle Asl e dalla stessa Siti, "che hanno molto successo fra adulti e ragazzi".

Ma come funzionano le lezioni di salute? "Una volta che l'istituto scolastico approva il progetto, il dirigente decide l'organizzazione. Di solito si tratta di appuntamenti 'istituzionalizzati', con gli operatori che ad esempio vanno nelle scuole anche un'ora a settimana fino alla conclusione del programma".

Lezioni e spiegazioni "condotte con l'aiuto di elaborati chiari e divertenti. A Taranto li autoproduciamo: è il caso dell'opuscolo sui 'Piccoli grattacapi', che insegna a bambini e genitori a conoscere, riconoscere e liberarsi dei pidocchi. Si tratta, infatti, di un insetto democratico, che non disdegna gli istituti più prestigiosi e che può essere contrastato con interventi efficaci. Ecco perché, a volte, è molto utile potersi rivolgere anche a insegnanti e adulti. In ogni caso - conclude Conversano - attivare politiche di prevenzione fin da piccoli può essere davvero utile per la salute da grandi".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza