cerca CERCA
Sabato 21 Maggio 2022
Aggiornato: 19:19
Temi caldi

Referendum

L'analisi di Mentana: perché Renzi ha perso

09 dicembre 2016 | 07.35
LETTURA: 3 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

"Renzi è stato per tre anni il centro di gravità della politica italiana. Su di lui si sono costruite speranze, alleanze, timori e ostilità, equilibri di potere e assi di opposizione. Lo schema già sperimentato con Berlusconi, ma in tempo di tripolarismo, e quindi con maggiori rischi per il più diretto interessato. Renzi lo sapeva, e non per caso il suo primo atto da segretario fu il patto del Nazareno. Una doppia maggioranza, quella di governo e l'altra più ampia per le riforme, ma anche due patti leonini, con i transfughi del Nuovo Centro Destra e con il Cavaliere ineleggibile. Fin quando questo schema a doppia geometria ha retto Renzi è stato il dominus indiscusso". E' l'analisi che Enrico Mentana ha postato sul suo profilo Facebook.

"La vittoria a valanga delle Europee lo ingannò su due punti - scrive Mentana - una dimensione del pd renziano già stabilmente a quota quaranta, e su essa fu plasmato l'Italicum; e l'inizio del riflusso elettorale del m5s. Abbagli fatali. A quel punto Renzi si illuse di poter fare a meno di tutti: impose Mattarella al Quirinale, scaricò Berlusconi, imbarcò Verdini per blindare una maggioranza meno presentabile ma tutta sua, accelerò sulla renzianizzazione del partito e cercò di imporsi come uomo nuovo anche sulla scena europea. Così in un colpo solo ruppe con l'elettorato di destra, fece ricompattare Berlusconi e Salvini-Meloni, diede nuovi argomenti all'artiglieria critica grillina, eccitò la minoranza interna e si chiamò a bersaglio degli eurofobici".

"Molti nemici molto onore? - si chiede Mentana - Forse: ma troppi nemici sconfitta certa, anche per gli errori di fondo di cui ho già scritto su giovani e riforma della scuola (che considero i vizi capitali), per la difficoltà del paese a incrociare la ripresa economica, e per la questione delle banche, un veleno che ha corroso molto consenso, oltre a gambizzare la figura più forte del renzismo dopo il premier".

"Renzi aveva bisogno di una legittimazione popolare, quella che non ebbe quando espugnò Palazzo Chigi. La riforma costituzionale fu costruita anche per lo scopo di diventare il referendum sul renzismo realizzato (lo prova il titolo del disegno di legge, già costruito ab ovo per diventare quesito referendario). Credo che il plebiscito lo abbia perso per tutte queste cose - conclude Mentana - ancora troppo vicine per consentirgli di restare sulla scena come se nulla fosse accaduto. Il rischio è di pagare ulteriormente pegno, e un altro Renzi il pd non lo ha".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza