cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 12:03
Temi caldi

Atletica

Larissa d'oro come mamma Fiona

21 luglio 2019 | 13.45
LETTURA: 3 minuti

La 17enne sul gradino più alto del podio in Svezia. Stessa manifestazione vinta da May nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna

alternate text
(Foto Colombo/Fidal)

A 17 anni Larissa Iapichino è la campionessa europea Under 20 del salto in lungo. L'azzurra trionfa con 6,58 (+1.2), argento alla svedese Tilde Johansson (6,52) e bronzo alla britannica Holly Mills (6,50). Iapichino sale sul gradino più alto del podio nella stessa manifestazione che mamma Fiona May aveva vinto nel 1987 a Birmingham con la maglia della Gran Bretagna.

È il quarto oro azzurro nella rassegna continentale in Svezia (eguagliato il record storico di San Sebastian 1993) nella mattinata in cui l’Italia festeggia anche per l'argento di Riccardo Orsoni nei 10.000 di marcia e il bronzo di Elisa Ducoli nei 3.000 per un bilancio provvisorio di otto medaglie (4 ori, 1 argento, 3 bronzi).

A CALDO - "Non ci credo, è stato pazzesco. Una gara bellissima fino all'ultimo, da brividi" ha commentato una Larissa al settimo cielo. "Al primo salto, col vento contro e la pioggia, ero impanicata e non riuscivo a saltare. Mi sembrava la giornata no. Poi mi sono detta: è un europeo, cerca di fare il tuo meglio. Ora questa vittoria significa tantissimo, le mie avversarie sono quotatissime, è stato uno choc" ha raccontato la 17enne in una video-intervista sul sito della Fidal. A fare il tifo per lei sugli spalti anche mamma Fiona.

MAMMA FIONA - "E' una gioia indescrivibile, la stessa gioia che provai quando vinsi a Birmingham oltre trent'anni fa. Mi ha fatto commuovere e sono molto fiera di lei". Fiona May ha ancora la voce rotta dall'emozione mentre rivive, al telefono con l'Adnkronos, l'impresa appena realizzata dalla figlia.

"Sono stata malissimo, ho sofferto con lei. So benissimo cosa vuol dire essere in pedana" racconta la 49enne. "Era molto tesa, aveva paura per via della pioggia. 'Eccoci, che sfiga', ha pensato. Io le ho detto: 'Larissa, hai saltato con la pioggia a inizio stagione, sei abituata. Stai tranquilla e non ti preoccupare. Devi saltare, una gara è una gara'. Cavolo, è uscita fuori una gara pazzesca. E' stata molto coraggiosa e determinata".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza