cerca CERCA
Lunedì 23 Maggio 2022
Aggiornato: 19:58
Temi caldi

Latte, azienda sarda trova tossine: "Bloccati 30mila litri, nostri controlli rigorosissimi"

05 settembre 2016 | 18.58
LETTURA: 3 minuti

alternate text
Immagine di repertorio (Fotogramma)

Latte inquinato da tossine: la 3A di Arborea fa le analisi di laboratorio e blocca subito una grossa partita da 30mila litri. A dare notizia di quanto accaduto è stata per prima la Nuova Sardegna. "Niente produzione, né messa in commercio, ci siamo accorti dagli esami che c'era qualcosa che non andava. I nostri parametri sono più restrittivi anche rispetto a quelli di legge, non abbiamo preso quel latte" spiega all'Adnkronos il Direttore Generale della 3A, Francesco Casula. "Abbiamo lavorato con la Asl per risolvere la problematica, che si genera quando un mangime o una parte di esso, ha problemi legati alla presenza di muffe, le micotossine, che nell'alimento zootecnico diventano aflatossine".

Si potrebbe trattare, insomma, spiega, di un problema, legato alla conservazione della farina di mais. "Noi raccogliamo il latte da oltre 240 allevatori, abbiamo rilevato il problema in una decina di questi e individuato il lotto coinvolto - aggiunge il Direttore Generale -, non abbiamo perciò raccolto il latte e gli allevatori l'hanno distrutto. Adesso hanno cambiato l'alimentazione, sostituendo il mangime, e questo permetterà al massimo in 72 ore di fare in modo che i limiti tornino al di sotto di quelli previsti dal nostro sistema di autocontrollo che, sottolineo, è di altissima qualità: è ancora più rigido rispetto a quello normativo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza