cerca CERCA
Lunedì 05 Dicembre 2022
Aggiornato: 18:08
Temi caldi

Latticini e formaggi freschi reggono la crisi, boom per mascarpone e mozzarelle

12 novembre 2014 | 11.51
LETTURA: 2 minuti

alternate text
- INFOPHOTO

Il mercato italiano dei latticini e formaggi freschi regge l’impatto della “spending review” attuata dalle famiglie italiane. Lo rivela Assolatte citando i dati elaborati da Nielsen: nell’ultimo anno le vendite di formaggi confezionati realizzate nella distribuzione moderna italiana sono sostanzialmente stabili (-0,3% a volume e +0,2% a valore).

Ma il trend non è omogeneo in tutto il Paese: al Sud i consumatori hanno comprato il 2,5% in più di formaggi e latticini freschi e l’1,2% in più di formaggi spalmabili, aumentando la spesa rispettivamente del 2,7% e dell’1,4%. Un risultato decisamente controcorrente rispetto al trend generale dei consumi alimentari nel Mezzogiorno.

Non solo al Sud aumenta sopramedia l’acquisto di latticini e formaggi freschi in generale, ma si registra un vero e proprio boom di due tipologie di latticini in particolare: il mascarpone (+5,5% a volume) e la mozzarella (+3,5% in quantità). Anche se la mozzarella, nonostante sia un formaggio tipico dell’Italia Centro-meridionale, va forte al Nord: oggi il 33% dei consumi si concentra tra Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia e Liguria.

Sono sempre queste 4 regioni del Nord-ovest ad assorbire quasi il 39% di tutta la ricotta venduta in Italia. Un latticino non solo molto diffuso ma sempre più apprezzato in questa zona, visto che nell’ultimo anno le vendite sono ulteriormente aumentate del 2,3% a volume. Anche nelle regioni dell’Italia Centrale la ricotta impenna: nell’ultimo anno ne sono state vendute lo 0,5% in più nelle quantità, portando questa zona a rappresentare il 23,4% di tutti gli acquisti di ricotta realizzati nella distribuzione moderna italiana.

Nel Nord-est, invece, vanno forte i formaggi cremosi: crescenza, stracchino, formaggi freschi e spalmabili sono le categorie con il miglior trend di vendita. Nell’ultimo anno altoatesini, trentini, friulani, veneti ed emiliano-romagnoli hanno messo nel loro carrello della spesa un +1,4% di crescenza e stracchini, un +3,3% di freschi e un +3,6% di freschi spalmabili.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza