cerca CERCA
Lunedì 25 Ottobre 2021
Aggiornato: 07:06
Temi caldi

Lavoro: Poletti, pensionati non possono piu' lavorare? Dobbiamo riflettere

19 marzo 2014 | 11.53
LETTURA: 2 minuti

''Non credo sia giusto che i pensionati non possano più lavorare. Credo che bisogna trovare delle modalità nuove che consentano ad ogni persona di avere una cosa da fare. Questo lo considero il punto di svolta concettuale di questo governo. Nessuno deve stare a casa, lo dico anche per i giovani e per gli immigrati''. Ad affermarlo in una nota e' il ministro del lavoro Poletti a Mix 24 su Radio 24 intervistato da Giovanni Minoli in risposta alle dichiarazioni dei giorni scorsi del ministro Madia, che aveva dichiarato 'in un'epoca in cui oltre il 40% dei giovani non trova lavoro, un milione e mezzo di persone, tra pubblico e privato, cumula lavoro e pensione'.

''Se non ci può essere più cumulo fra chi lavora e la pensione, -continua il ministro del lavoro- allora bisogna che ragioniamo su cosa vuol dire cumulo, bisogna decidere per esempio qual è la modalità di uscita. Credo si debba riflettere insieme. E non dico 'son d'accordo', o 'non son d'accordo'. Non ne abbiamo discusso''.

In generale, aggiunge Poletti, ''continuo a sostenere che ad esempio per le modalità di uscita dal lavoro, dovremmo immaginare in modo più graduale e flessibile. C'è un dato di tipo sociale, (siamo una popolazione di anziani, ndr) e ogni persona deve sentirsi utile a sé e agli altri. Non possiamo lasciare qualcuno che aspetta la fine, ma che razza di ragionamento è? Dobbiamo immaginare che tutti abbiano cose utili da fare''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza