cerca CERCA
Sabato 22 Gennaio 2022
Aggiornato: 02:22
Temi caldi

Lavoro: Sorrentino (Cgil), decreto va cambiato, aumenta precarieta'

21 marzo 2014 | 18.48
LETTURA: 2 minuti

"Il decreto legge 34/14 'Disposizioni urgenti per favorire il rilancio dell'occupazione e per la semplificazione degli adempimenti a carico delle imprese', pubblicato ieri in gazzetta ufficiale, va cambiato, perché così com'è aumenterà la precarietà invece di ridurla''. E' quanto afferma il segretario nazionale della Cgil, Serena Sorrentino. Nel merito, secondo la Cgil, sono tre i punti di criticità contenuti nel decreto, sui quali il sindacato chiede a Governo e Parlamento un cambiamento.

Il primo, sottolinea Sorrentino, "riguarda i contratti a termine, che estendono da 12 a 36 mesi la durata del contratto di lavoro a tempo determinato per il quale non è richiesta la causale e che prevedono ben 8 proroghe. Questo - prosegue la dirigente sindacale - sancirà il principio della ricattabilità costante dei lavoratori, che possono vedere il loro contratto non prorogato, anche in assenza di un giustificato motivo, non essendoci obbligo di causale e per qualsiasi tipo di mansione, senza avere in cambio nessuna forma di sicurezza, ma vedendo semplicemente esteso a tre anni il periodo di prova''.

Il secondo punto riguarda l'apprendistato: ''Un contratto a causa mista - spiega Sorrentino - che prevedeva, in cambio di agevolazioni per le imprese sui costi del lavoro, la certezza per il lavoratore di una formazione finalizzata all'acquisizione di competenze e di una qualifica o di un diploma formativo. Ma quando si interviene rendendo non obbligatoria la forma scritta del piano formativo e meno certa la formazione trasversale, cosa rimane? Solo le agevolazioni per le imprese, che non hanno nemmeno l'obbligo di confermare almeno una quota di apprendisti per assumerne altri''. (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza