cerca CERCA
Giovedì 23 Settembre 2021
Aggiornato: 23:47
Temi caldi

Lavoro: Verini, sinistra partito non sia barricadera e conservatrice

20 settembre 2014 | 13.59
LETTURA: 2 minuti

"Non si può definire di sinistra chi, nei fatti, si rivela conservatore. Una sinistra minoritaria, che rifiuta il cambiamento c'e' sempre stata e ci sarà sempre, ma non ha il diritto di bloccare le decisioni che il partito prenderà dopo il confronto in Direzione". Così, con l'Adnkronos, il deputato veltroniano Walter Verini commenta la presa di posizione della minoranza del partito che si richiama all'ex segretario Pier Luigi Bersani.

"E' legittimo e doveroso -aggiunge Verini- discutere da posizioni diverse, ma è del tutto evidente che poi si debba far riferimento alle decisioni che il partito vorrà assumere dopo il confronto del 29 settembre. Non stiamo parlando di eutanasia o fecondazione assistita: quella che il Pd deve assumere sulla riforma del lavoro è una scelta squisitamente politica".

"Ricordo che qualche anno fa il partito affrontò proprio la questione dell'articolo 18 e alcuni esponenti dell'allora maggioranza come Orfini e Fassina usarono toni da scomunica nei confronti di Pietro Ichino. Io mi battei per il diritto della minoranza di avere piena cittadinanza, e così faccio per chi oggi è in minoranza nel Pd. Poi, però, la minoranza, che per certi aspetti oggi è non barricadera ma di più, non ha il diritto di bloccare le decisioni della maggioranza". (segue)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza