Home . Lavoro . Dati .

Serata dell’economia polacca per celebrare risultati all'Expo

DATI
Serata dell’economia polacca per celebrare risultati all'Expo

A quasi due mesi dalla chiusura dell’Expo, a Roma, nella sede dell’Ufficio di promozione del commercio e degli investimenti della Polonia, si è tenuta la 'Serata dell’economia polacca'. Obiettivo dell'evento quello di raccontare l’esperienza polacca all’Esposizione universale di Milano. A celebrarla importanti esponenti dell’economia polacca, quali Slawomir Majman, presidente dell’Agenzia polacca dell’informazione e degli investimenti, e Marcin Marjanski, rappresentante dell’Agenzia polacca per lo sviluppo dell’imprenditorialità, i quali hanno relazionato sui risultati della Polonia all’Expo: “Un successo straordinario: nei 6 mesi dell’Esposizione universale - hanno detto - il nostro padiglione, il quarto per grandezza, è stato visitato da quasi 2 mln di ospiti”.


Durante la serata, alla quale hanno partecipato rappresentanti delle autorità internazionali e nazionali, politici, giornalisti, artisti, imprenditori ma anche turisti, sono state proposte agli ospiti le specialità culinarie della Regione Cuiavia Pomerania, che “si fa notare non solo per il suo patrimonio enogastronomico ma anche per quello storico, culturale e paesaggistico: la Polonia come l’Italia, infatti, è divisa in Regioni ognuna con le sue caratteristiche e peculiarità”, come ha dichiarato il senatore polacco Michal Wojtczak. Nel 2015, in occasione di Expo, la Polonia ha realizzato un vasto programma di promozione economica, per dare sostegno al commercio estero: "Abbiamo partecipato come Paese - ha ricordato Michal Gorski, dell’Ufficio di promozione del commercio e degli investimenti in Polonia -a 5 fiere agroalimentari in Italia, con 1.000 incontri b2b internazionali, 5 cooking-show, workshop, seminari e conferenze. L’intento è rafforzare l’immagine del nostro Paese - ha spiegato - che è dotato di un tessuto imprenditoriale di qualità, come dimostra il costante aumento delle nostre esportazioni, affidabile e attraente per gli imprenditori che vogliono investire in Polonia”.

"La Polonia - ha sottolineato Luca Iovine, delegato della Camera di commercio italo-polacca - ha avuto un’accelerazione in termini di sviluppo e ciò che a me personalmente più entusiasma di questo Paese, oltre alla vicinanza culturale con l’Italia, è l’enorme potenziale che ancora ha. Ci sono risorse, intere aree geografiche, veri e propri giacimenti di valore ancora non completamente espressi, esattamente come in Italia. Incontri come questo di Roma non solo accrescono la conoscenza reciproca tra i tessuti imprenditoriali ma avvicinano i popoli".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.