Home . Lavoro . Made-in-italy . Listone Giordano protagonista ad Artour-O

Listone Giordano protagonista ad Artour-O

MADE-IN-ITALY
Listone Giordano protagonista ad Artour-O

Sarà un viaggio nel cuore di Firenze quello di Artour-o il Must, la piattaforma di arte contemporanea itinerante che si terrà dal 14 al 20 marzo e che vedrà tra i protagonisti Listone Giordano, azienda di eccellenza mondiale nel settore delle pavimentazioni lignee. Una settimana fitta di incontri, mostre ed eventi per raccontare come l’arte contemporanea e il design possano creare nuove strategie di mercato grazie alla consapevolezza dei valori della cultura.


Appuntamento ormai fisso nel calendario culturale internazionale, l’evento ideato e curato dall’architetto Tiziana Leopizzi, è giunto alla sua 25ma edizione nel mondo e la 13ma a Firenze e quest’anno moltiplica il numero delle sedi espositive per raggiungere un pubblico sempre più ampio.

“Preferisco non parlare di mecenatismo culturale, meglio usare il termine ‘committenza’: per noi sostenere la cultura - precisa Andrea Margaritelli, vicepresidente della Fondazione Guglielmo Giordano e responsabile marketing di Listone Giordano - è qualcosa di naturale, un onore e una responsabilità che ci ha fatto crescere professionalmente e umanamente in tutti questi anni. Mettere in contatto gli artisti con le aziende e le nuove generazioni con le precedenti è la più nobile forma di fare il mestiere dell’imprenditore e ne sono molto orgoglioso. Listone Giordano con la sua Fondazione crede profondamente in Artour-O perché l’amore per l’arte è patrimonio di tutti”.

Sulla stessa linea, la direttrice del Cenacolo d’ Ognissanti di Firenze, Cristina Gnoni Mavarelli, secondo cui è “assolutamente vitale ed essenziale che ci sia una nuova committenza nel mondo dell’arte contemporanea, è un esperimento assolutamente da proseguire". "Questo tipo di collaborazioni per la salvaguardia e la valorizzazione del patrimonio antico e contemporaneo - sottolinea - sono indispensabili sia per la diffusione della conoscenza sia per l’attività di promozione anche di nuove iniziative".

"E’ necessario diffondere l’idea che l’arte sia un patrimonio che appartiene a tutti noi, anche con esperienze contemporanee che arricchiscono la nostra vita, a cui tutti come cittadini dovremmo partecipare e fare fronte. Merito di questa edizione fiorentina di Artour-O è anche quello di aiutare a riscoprire luoghi meno noti del patrimonio fiorentino, luoghi con una storia, dall’Ospedale di Montedomini allo stesso Cenacolo di Ognissanti", conclude Gnoni Mavarelli.

Rendere accessibile a tutti l’arte è l’obiettivo di questo progetto che coinvolge l’intera città: dall’Accademia delle arti del disegno al prestigioso Cenacolo del Ghirlandaio, dal Chiostro a Borgo Ognissanti fino all’Asp Firenze Montedomini che sta per compiere 600 anni. Luoghi d’arte conosciuti e mondo dell’impresa si incontrano con un unico obiettivo: promuovere l’importanza dell’arte e del finanziamento alla cultura come nuova strada verso la ripresa economica e la valorizzazione dell’arte in ogni sua forma. Il percorso sarà scandito da opere, installazioni, incontri culinari e da Filles Rouges, della fashion designer Eleonora Lastrucci; madrina d’eccezione Monica Baldi, membro del Cda Former Members del Parlamento europeo.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.