Home . Lavoro . Made-in-italy . Coca-Cola Hbc Italia: "La nostra 'ricetta segreta' sono le persone"

Coca-Cola Hbc Italia: "La nostra 'ricetta segreta' sono le persone"

Intervista al direttore risorse umane, Emiliano Maria Cappuccitti

MADE-IN-ITALY
Coca-Cola Hbc Italia: La nostra 'ricetta segreta' sono le persone

"La nostra 'ricetta segreta' è il lavoro di tutti i giorni che le nostre persone fanno. Quindi, la nostra 'ricetta segreta' sono essenzialmente le persone. Ogni giorno c'è il lavoro delle nostre persone, dalle fabbriche dove produciamo tutti i prodotti a marchio Coca-Cola alla forza vendita che si occupa sia del mercato tradizionale Horeca sia del mercato moderno". Ad affermarlo, in un'intervista a Labitalia, è Emiliano Maria Cappuccitti, Hr director di Coca-Cola Hbc Italia, che proprio nei giorni scorsi ha vinto il Randstad Globe, come azienda fra le più attrattive per solidità finanziaria e sicurezza del posto di lavoro.

"Siamo molto orgogliosi di aver ricevuto questo premio: non è il primo anno che lo riceviamo, quindi evidentemente dietro a questo premio - sottolinea - c'è lo sforzo e il lavoro che Coca-Cola fa tutti i giorni per rendere la nostra un'azienda attrattiva, solida, un bel posto di lavoro dove stare".

Come ricorda il responsabile delle risorse umane, "al di là del brand che è molto conosciuto, Coca-Cola, secondo uno studio Bocconi, genera circa 26mila posti di lavoro direttamente collegati: è un'azienda che impatta sul nostro Pil, sui posti di lavoro e che, quindi, ha un ruolo molto importante nell'economia italiana".

Notevole l'impegno di Coca-Cola sul fronte del welfare aziendale. "Noi teniamo molto al benessere delle nostre persone: stiamo lavorando sul welfare, abbiamo già implementato un progetto - ricorda Cappuccitti che vuole andare incontro alle esigenze dei nostri dipendenti legate al work-life balance".

Non solo. "Essendo un'azienda orientata al risultato e non alla presenza, ad esempio - prosegue - abbiamo tolto la 'badgeatura' in azienda e abbiamo un sistema di 'remote working', per cui le persone possono stare per alcune volte al mese a casa, prestando la propria attività lavorativa direttamente da casa. Ovviamente, questa cosa è stata accolta con entusiasmo non soltanto dalle colleghe ma anche dai colleghi. E questo è solo un esempio delle cose che facciamo con le nostre persone".

"Siamo precursori dello smart working - osserva - ma abbiamo anche eliminato il concetto di ufficio. Ormai, è tutto open space nei nostri uffici: anche l'amministratore delegato è in open space insieme alle altre persone. E' stato proprio eliminato il concetto gerarchico: il mega-capo con il suo ufficio non c'è più, ma ci sono appunto spazi comuni dove si condivide molto e quindi le persone sono raggiungibili. Vengono superate in questo modo le barriere gerarchiche e la comunicazione è molto più veloce: non devi bussare alla porta di nessuno, ma la persona la vedi lì di fronte a te".

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.