Home . Lavoro . Norme . Toscana: obbligo istruzione, intesa su percorsi ad hoc per cittadini stranieri

Toscana: obbligo istruzione, intesa su percorsi ad hoc per cittadini stranieri

NORME
Toscana: obbligo istruzione, intesa su percorsi ad hoc per cittadini stranieri

Grazie a un'intesa fra Regione Toscana, Ufficio scolastico regionale, Rete dei centri per l'istruzione degli adulti, saranno realizzati percorsi specifici per adulti che non hanno assolto o non sono in grado di dimostrare di aver assolto all'obbligo di istruzione, passaggio essenziale per accedere ai tirocini non curriculari. L'iniziativa si rivolge, in particolare, ai cittadini stranieri che spesso, pur avendo titoli di studio o competenze acquisite nei paesi di origine, non sono in grado di esibirne la certificazione.


"Il protocollo si propone -spiega l'assessore all'Istruzione formazione e lavoro, Cristina Grieco- di definire le modalità per consentire a persone maggiorenni, che non hanno assolto l'obbligo di istruzione entro il diciottesimo anno di età o che, in quanto cittadini stranieri, non sono in grado di dimostrare l'assolvimento dell'obbligo di istruzione di conseguire la certificazione, in modo da poter svolgere un tirocinio non curriculare così come previsto dalla normativa regionale. Aver assolto all'obbligo di istruzione è infatti una condizione indispensabile per poter accedere a questo tipo di tirocini e richiedere eventualmente il confinanziamento della Regione nell'ambito del progetto Giovanisì".

"Si tratta di una misura -afferma l'assessore all'Immigrazione, Vittorio Bugli- che punta a favorire l'integrazione dei cittadini stranieri, qualificandone la presenza attraverso la certificazione delle competenze di base legate all'obbligo di istruzione. Così facendo diamo loro la possibilità di accedere ai tirocini che, per legge, in Toscana sono retribuiti e possono rappresentare un utile contatto con il mondo del lavoro. E' capitato a volte che alcuni dei giovani ospiti dei centri di prima accoglienza o degli Sprar abbiano avuto la possibilità di farlo. Ma naturalmente non avevano con sè i documenti per dimostrare l'assolvimento dell'obbligo scolastico e richiederli attraverso l'ambasciata, come si intuisce, diventava assai complicato".

Fino ad oggi l'alternativa era rinunciare al tirocinio o intraprendere un percorso formale e più lungo di certificazione delle competenze che adesso invece potrà essere assolto in modo più facile. "Si colma un ulteriore gap tra mondo della scuola e della formazione", sottolinea Grieco. Il soggetto promotore, qualora l'aspirante tirocinante non abbia assolto l'adempimento dell'obbligo di istruzione o sia impossibilitato a dimostrare l'adempimento dell'obbligo, contatta il Cpia in base alla sede del soggetto promotore per verificare se esistono le condizioni per la partecipazione del soggetto al percorso di istruzione di primo livello. Nel caso in cui sussistano le condizioni, il soggetto promotore indirizza l'aspirante tirocinante al Cpia per la frequenza del corso.

I Cpia si rendono a loro volta disponibili ad inserire i destinatari nei percorsi specifici di primo livello. I destinatari sono le persone maggiorenni che non hanno assolto l'obbligo di istruzione entro il diciottesimo anno di età o che, anche in relazione alla condizione di adulti stranieri, non sono in grado di dimostrare l'assolvimento dell'obbligo di istruzione. A coloro che hanno partecipato al percorso di istruzione, concludendolo con esito positivo, viene rilasciata una certificazione attestante l'acquisizione delle competenze di base connesse all'obbligo di istruzione.

Ovviamente, potrà essere valutato caso per caso un percorso mirato, così come previsto dal testo unico della Regione in materia di istruzione, formazione lavoro che prevede la "personalizzazione del percorso, sulla base di un patto formativo individuale definito previo riconoscimento dei saperi e delle competenze formali, informali e non formali posseduti".



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.