Home . Lavoro . Professionisti . Sabrina Toscani, organizzare la propria vita per riorganizzare Paese

Sabrina Toscani, organizzare la propria vita per riorganizzare Paese

PROFESSIONISTI
Sabrina Toscani, organizzare la propria vita per riorganizzare Paese

Sabrina Toscani

Organizzare la propria vita per riorganizzare il Paese. Con questo slogan Sabrina Toscani, fondatrice di Organizzare Italia, ha partecipato all'incontro tra tutte le B Corp italiane per presentare ufficialmente il proprio progetto imprenditoriale condiviso: andare oltre l'obiettivo del profitto ed avere un impatto positivo sulla società e sulla biosfera. "La norma, -spiega a Labitalia Sabrina Toscani- inserita nella Legge di Stabilità 2016 recentemente approvata, riconosce la qualifica di 'Società Benefit' alle imprese che perseguono il duplice scopo di lucro e beneficio".

"Si tratta quindi di aziende consapevoli -sottolinea- che fare impresa non significa solo perseguire e massimizzare il profitto, ma significa anche interrogarsi sugli impatti sociali e ambientali, facendo diventare la sostenibilità e la responsabilità sociale d’impresa concetti integranti del proprio modello di business. Insomma attività profit e no profit possono e devono convivere sotto lo stesso tetto, perché non si può più pensare che un'azienda non abbia un impatto sull'ambiente e-o sulla società, ma anzi quanto più questo impatto è positivo più l'azienda prospera”.

Organizzare la propria vita per riorganizzare il Paese dunque. "I grandi risultati -assicura- si ottengono dai piccoli passi, se ogni anello della catena conosce gli strumenti e le strategie per gestire meglio le proprie risorse è facile comprendere che l'intera catena ne trae beneficio e che le sue risorse sono massimizzate".

"Ogni anello della catena -avverte Sabrina Toscani- deve essere messo quindi nelle condizioni di poter coltivare ed accrescere le proprie competenze organizzative, queste infatti sono troppo importanti e vitali per essere lasciate al caso. Per questa ragione ci rivolgiamo alle persone, alle scuole, alle aziende, alle famiglie e alle organizzazioni, perché tutti possano vivere giornate meno stressanti, più soddisfacenti e serene, con un evidente impatto positivo su tutto ciò che li circonda”.

“L'organizzazione personale -precisa- è un talento, una competenza, che viene messa in campo in qualsiasi contesto l'individuo si trovi ad operare (in casa, nel lavoro, a scuola, durante il tempo libero...) ed influenza non solo il grado di soddisfazione e di realizzazione personale, ma ha anche un impatto nell'ambito in cui l'individuo si muove ed opera: la famiglia, l’azienda, la classe".

"Insegnare le abilità organizzative alle persone di ogni età -sottolinea- che è ciò che fa il professional organizer, vuol dire quindi impattare sul benessere delle persone attraverso una gestione organizzata e ottimizzata delle proprie risorse fisiche, mentali ed economiche, che si ripercuote anche nella gestione massimizzata delle risorse famigliari, aziendali, scolastiche, sociali”.

"Essere B Corp -continua- significa prefiggersi di innovare, attraverso un impatto positivo verso le persone, l'ambiente e la comunità, ed Organizzare Italia, prima impresa in Italia di professional organizing, a questo modello si è sempre ispirata portando avanti standard ambientali e sociali alti e misurando, con l'attenzione e la cura che caratterizzano la sua attività, il proprio impatto sociale".

"Essere B Corp -rimarca- è il primo passo da compiere per arrivare ad ottenere la denominazione di società benefit, prevista in una norma della legge di stabilità, per la quale l'Italia ha il primato, è infatti il primo stato sovrano al mondo e primo paese fuori dagli Usa ad avere introdotto nel proprio ordinamento questo termine, riferendosi ad aziende con formule imprenditoriali innovative e sostenibili, imprese for profit che perseguono un duplice scopo, di lucro e di beneficio comune".

“Essere B Corp -afferma Sabrina Toscani- vuol dire entrare a far parte di una rete mondiale di aziende che sono veramente in grado di fare la differenza per il mondo, aziende eterogenee che fanno cose diverse tra loro, ma lo fanno allo stesso modo: massimizzando l'impatto positivo sulla società e sull'ambiente. Ho sentito l'orgoglio di far parte di questo gruppo perché ho veramente avuto la misura di quanto fare insieme possa essere positivo e del grado alto di responsabilità che ogni singola azienda ha nei confronti di tutto ciò che la circonda, le persone e la comunità, l'ambiente e tutte le risorse”.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.