Cerca

Csc: nel manifatturiero persi 800mila posti di lavoro dal 2007 al 2015

SINDACATO
Csc: nel manifatturiero persi 800mila posti di lavoro dal 2007 al 2015

Complessivamente, dall'autunno 2007 all'inverno 2015 l'occupazione nel manifatturiero italiano è calata di quasi 800 mila posti lavoro (-17,1%). Lo indica il Rapporto sugli scenari industriali del Csc. L'aggiustamento verso il basso dell'input di lavoro, in termini sia di orario sia di numero di persone impiegate, è avvenuto soprattutto durante la seconda recessione; ciò ha sostenuto la produttività nonostante un andamento alquanto fiacco del valore aggiunto. 


Dalla primavera del 2015 si osserva un cambiamento di rotta, sottolinea il Csc: il monte ore lavorate è aumentato del 5,2% (fino a metà 2017), prevalentemente per l'allungamento degli orari di lavoro; l'occupazione ha fatto registrare un +1,5%, circa 60 mila addetti in più.

Il dato occupazionale della sola manifattura risente della distruzione del 25 per cento dell'apparato industriale. Un apparato che grazie agli strumenti di Industria 4.0 - osserva - si sta ricostituendo mentre già si apprezzano gli effetti del nuovo corso sull'ammontare complessivo di posti di lavoro creati nell'economia italiana che ha quasi raggiunto il milione.



RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright Adnkronos.