cerca CERCA
Venerdì 25 Giugno 2021
Aggiornato: 00:00
Temi caldi

Dai Plus alle Smart cities

Lazio, 16 progetti di riqualificazione urbana: investimento di 122 milioni

27 febbraio 2014 | 20.55
LETTURA: 4 minuti

alternate text

Roma, 27 feb. (Labitalia) - La Regione Lazio investirà 122 milioni di euro per realizzare 16 progetti di riqualificazione urbana. L'iniziativa è stata presentata oggi dal presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti e dall'assessore alle Attività produttive Guido Fabiani nel corso di un incontro che si è svolto presso il Dipartimento di Architettura dell'Università degli studi Roma Tre dal titolo 'Nuova vita delle città del Lazio. Progetti di riqualificazione urbana, dai Plus alle Smart cities, che la Regione Lazio sta mettendo in campo grazie all'opportunità offerta dal Fes Roma di sviluppare piani locali e urbani di sviluppo (Plus) che la Giunta ha sbloccato, rilanciato, velocizzato e arricchito con nuove risorse.

I diversi progetti sono destinati al recupero fisico, sociale, economico-ambientale di aree urbane attraverso una molteplicità di interventi destinati alla valorizzazione delle vocazioni turistiche e culturali, all'integrazione sociale, all'ambiente, a sostegno delle piccole e medie imprese, alle nuove tecnologie. In particolare, lo scorso dicembre la Giunta Zingaretti ha aumentato il budget iniziale di Plus (113 milioni) destinando 9 milioni allo sviluppo di applicazioni Ict per nuove tecnologie. Una scelta che va nella direzione di far incontrare i percorsi tradizionali di riqualificazione urbana con la scommessa delle Smart cities come valore aggiunto anche per la competitività territoriale.

Allo stato attuale il 96% delle opere programmate ha terminato la fase di aggiudicazione, mentre il 62% ha cantieri già aperti. E' importante sottolineare, come le modalità di attuazione dei Plus prevedono tempi di realizzazione dimezzati rispetto alla media, tempi di pagamenti abbattuti di soli 35 giorni e un tutoraggio e un sostegno costante da parte dei tecnici regionali nei confronti delle amministrazioni comunali per risolvere ogni problema.

"L'iniziativa di oggi è la dimostrazione che le cose in Italia si possono fare -ha esordito il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti- oggi abbiamo raccontato la trasformazione in essere della nostra città grazie ad un intelligente approccio delle risorse europee. Questi interventi -ha continuato- si proiettano nel futuro per creare una qualità della vita sulle smart cities". Nicola Zingaretti ha poi ricordato di aver presentato i diversi progetti, all'interno dell'Università di Architettura, "perchè l'Università è il luogo del sapere, il luogo nel quale si puo' intercettare il valore aggiunto legato alla capacità dei ragazzi e delle ragazze di avere idee nuove, originali che, -ha proseguito il presidente della Regione Lazio- se incontrano l'impresa e la progettazione possono trasformarsi in economia e trasformazione urbana".

"L'incontro di oggi -ha proseguito Nicola Zingaretti- dimostra ancora una volta che in Italia si possono cambiare le cose, ma soprattutto è importante, quanto accaduto stamattina all'Università, perché è la testimonianza che si puòcominciare a fare rete sulla nuova programmazione. Ci sono circa 3 miliardi di euro in una nuova programmazione che arriveranno nel Lazio - ha annunciato il presidente della Regione -. Sceglieremo una programmazione tutta proiettata sull'innovazione a cominciare dalla grande sfida della fibra ottica. Vogliamo portarla in tutto il Lazio e nella nostra programmazione faremo scelte radicali. Grandi investimenti -ha proseguito Zingaretti- per costruire le condizioni dell'innovazione urbana e dei servizi di qualità in tutti i comuni della nostra regione. Su questo non possiamo rimanere indietro".

Tra le novità della programmazione anche un meccanismo di premialità del 5% in piu' di dotazione a coloro che si confermano virtuosi nell'utilizzo dei fondi. "Quando siamo arrivati - ha ricordato Zingaretti - eravamo l'ultima regione italiana sugli impegni di spesa della vecchia programmazione. Oggi tra i primi tre, dopo otto mesi. Tutto questo, in fondo, dimostra che il Lazio è veramente una regione europea. Nella mentalità, nel modo di lavorare, nella sostenibilità delle proprie finanze. E' una sfida che accettiamo - ha concluso - con determinazione, convinti che abbiamo le carte per potercela giocare".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza