cerca CERCA
Venerdì 22 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:05
Temi caldi

Nordcorea

Le cheerleader di Kim alle Olimpiadi

17 gennaio 2018 | 10.19
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Foto Afp) - AFP

Dopo l'orchestra di 140 elementi, Pyongyang si è offerta di inviare alle Olimpiadi invernali di Pyeongchang, che si apriranno il prossimo 9 febbraio in Corea del Sud, una squadra di 230 ragazze pon-pon con il compito di tifare per la gli atleti nordcoreani.

A riferirlo è stato il ministero per l'Unificazione della Corea del Sud al termine della seconda tornata di colloqui inter-coreani che si sono svolti presso la Peace House nella parte sudcoreana del cosiddetto 'villaggio dell’armistizio' di Panmunjom. Pyongyang ha anche proposto di utilizzare il varco della città di confine di Kaesong, per consentire ai suoi atleti, alle tifoserie e ad altre delegazioni di raggiungere Pyeongchang via terra.

Altre voci all'ordine del giorno sono state le dimensioni della delegazione olimpica della Corea del Nord, i costi, l'ipotesi di sfilare insieme alla cerimonia d'apertura e di un team unificato nell'hockey su ghiaccio femminile. Pyongyang ha anche offerto di inviare una delegazione alle Paralimpiadi invernali di PyeongChang, in programma dal 9 al 18 marzo, due settimane dopo i Giochi invernali del 9-25 febbraio.

Le due parti hanno anche scambiato opinioni sull'organizzazione di eventi culturali congiunti presso la pittoresca località di Mount Kumgang, in Corea del Nord, e sull'utilizzo del Masikryong Ski resort, l'impianto sciistico su modello svizzero voluto dal leader Kim Jong-un sul monte Masik, nella provincia di Kanwong, vicino al confine con la Cina.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza