cerca CERCA
Martedì 11 Maggio 2021
Aggiornato: 18:13
Temi caldi

Teatro: Le Cirque du Soleil a Roma con 'Amaluna', show mozzafiato al femminile

03 maggio 2017 | 16.21
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Ha debuttato domenica scorsa a Roma il nuovo sorprendente spettacolo del Cirque du Soleil, 'Amaluna', che per la grandissima richiesta di biglietti ha già allungato di 3 settimane le repliche e resterà nella capitale fino all'11 giugno sotto il Grand Chapiteau costruito in via Tor di Quinto 110.

Il nuovo spettacolo porta il pubblico in un’isola misteriosa abitata da sirene e guidata dalle maree della Luna. La loro regina Prospera organizza una cerimonia per il raggiungimento della maggiore età di sua figlia, un rito che celebra la femminilità. Il rinnovamento, la rigenerazione e l’equilibrio, simboleggiando il passaggio di questi ideali e valori da una generazione a quella successiva. In seguito ad una tempesta causata da Prospera, un gruppo di giovani uomini approda sull’isola, e nasce cosi tra la figlia di Prospera ed un giovane naufrago una storia d’amore epica ed emozionante. Ma il loro è un amore che sarà messo a dura prova. La coppia dovrà affrontare numerosi e scoraggianti imprevisti prima di potersi fidare l’uno dell’altro e convivere in armonia.

'Amaluna' è una fusione tra le parole ama, che significa “madre” in molte lingue, e luna, simbolo di femminilità che evoca sia il rapporto tra madre e figlia sia l’idea di una dea protettrice del pianeta. E Amaluna è anche il nome dell’isola misteriosa nella quale si svolge la trama.

Per la prima volta nella storia del Cirque du Soleil, 'Amaluna' è interpretato per la maggioranza da interpreti femminili, inclusa una band composta al 100% da donne. 'Amaluna' è un tributo alle opere e alla voce delle donne”, spiega il direttore creativo Fernand Rainville. “Lo spettacolo è una riflessione sull’equilibrio visto dal punto di vista di una donna”, aggiunge la regista Diane Paulus, vincitrice del Tony Award 2013 (Pippin) e nominata dal Time Magazine una delle persone più influenti al mondo nel 2014. "Non volevo - aggiunge la regista - creare uno spettacolo ‘a stampo femminista’, volevo creare uno spettacolo con al centro le donne, qualcosa che conteneva una storia nascosta che caratterizzava le donne come eroine”. La Paulus ha attinto a varie influenze classiche durante la creazione dello spettacolo, ispirandosi alla mitologia nordica e greca, dal Flauto Magico di Mozart alla Tempesta di Shakespeare.

Davvero mozzafiato le performance degli artisti-ginnasti coinvolti: volteggiano sopra il pubblico sorretti da nastri e sospesi a un carosello rotante che si erge alto sopra le loro teste; le evoluzioni aeree sono sempre più veloci ed incredibili; viene fatto un uso teatrale ed altamente spettacolare di 'parallele asimmetriche'; una delle protagoniste si esibisce in un globo d’acqua. Insomma questo show non solo non delude le aspettative ma sposta ancora più in alto l'asticella della qualità e della spettacolarità del lavoro del Cirque du Soleil.

Nato da un gruppo di 20 artisti di strada nel 1984, il Cirque du Soleil e’ ora una grande organizzazione con base in in Quebec che produce intratennimento artistico di altissimo livello. La compagnia ha quasi 4000 dipendenti inclusi 1300 artisti di oltre 50 paese diversi. Cirque du Soleil ha portato stupore e meraviglia (wonder and delight) a piu’ di 155 millioni di spettatori in piu’ di 300 citta’, in oltre 40 paesi e 6 continenti.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza