cerca CERCA
Martedì 30 Novembre 2021
Aggiornato: 18:47
Temi caldi

Le sfilate donna di scena a Milano, di sei giorni il calendario/Video

17 febbraio 2015 | 16.11
LETTURA: 4 minuti

La moda femminile protagonista a Milano, dal 25 febbraio al 2 marzo, con le collezioni dedicate al prossimo autunno inverno. In passerella le collezioni degli stilisti, spalmate su un calendario che torna a essere di sei giorni.

alternate text

La moda femminile protagonista a Milano, dal 25 febbraio al 2 marzo, con le collezioni dedicate al prossimo autunno inverno. In passerella le collezioni degli stilisti, spalmate su un calendario che torna a essere di sei giorni. Saranno i giovani di Next Generation, e questa è una novità, ad aprire la kermesse, sfilando alle 21 di martedì 24 febbraio in Piazza Vetra. E saranno ancora i giovani designer a chiudere il 2 marzo (Leitmotiv, Alberto Zambelli, San Andres Milano, Fatima Val).

"Sarà un'ottima settimana improntata a un realismo economico che non vedevamo da anni", così Mario Boselli presidente della Camera nazionale della moda italiana, che lascerà in aprile l'incarico e diventerà 'onorario'. Saranno 68 le sfilate, 76 le presentazioni e 4 su appuntamento, per un totale di 151 collezioni. Tra i big, ad aprire le danze Chicca Lualdi alle 9,30 di mercoledì 24, nello stesso giorno in cui presentano Gucci, Fay, Alberta Ferretti, Francesco Scognamiglio. In programma anche Stella Jean, Luisa Beccaria, Genny, N.21, Philipp Plein.

Sarà ancora una volta Giorgio Armani a chiudere la settimana, un nome forte l'ultimo giorno di sfilate che 'obbliga' in qualche modo buyer e stampa a restare a Milano fino alla fine prima di volare a Parigi. Una scelta della quale Camera Italiana della Moda ha voluto ringraziare pubblicamente Re Giorgio.

"Questa edizione di Milano Moda Donna è particolarmente attesa perché precede l'apertura di Expo 2015 e, in qualche modo, contribuisce a prepararlo. Sfilate, presentazioni e eventi che esprimono uno dei tratti distintivi della città in cui design, buon gusto e attenzione alla qualità e alla ricerca si fondono dando origine al più autentico stile Milano" commenta l'assessore alle Politiche per il Lavoro, Moda e Design Cristina Tajani.

Per Boselli "l'appuntamento con Milano Moda Donna - parte sotto un buon auspicio: sono convinto che siamo alla vigilia di un periodo eccezionalmente positivo che cambia in meglio le previsioni, non solo di fatturato, ma di saldo attivo della bilancia commerciale che ritengo supererà i 20 milioni di euro. Il prezzo del petrolio è sceso della metà rispetto a sei mesi fa, la diversa situazione della Bce e delle Banche vede un allentamento dell’erogazione del credito e la fine del credit crunch. Ma è soprattutto il cambio euro/dollaro che oggi è 1,14, tornato sotto i livelli del suo esordio, oltre a favorire l’export, penalizzerà l’import e quindi difenderà le nostre pmi della parte alta della filiera".

L'ad di Camera Nazionale della Moda, Jane Reeve, pone l'accento sul fatto che "la settimana conferma l’impianto strategico: più internazionale, più spazio per i nuovi talenti e per i giovani, più attenzione alla comunicazione digitale".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza