cerca CERCA
Mercoledì 12 Maggio 2021
Aggiornato: 01:02
Temi caldi

Lecce, "vendetta non risolve ma soddisfa": il post del 21enne

29 settembre 2020 | 11.15
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Foto Fotogramma)

Il 3 luglio scorso Giovanni Antonio De Marco, il 21enne presunto autore, da questa notte reo confesso, dell'omicidio di Daniele De Santis e Eleonora Manta, uccisi la sera del 21 settembre a Lecce in via Montello ed ex coinquilino della coppia ha condiviso un post della pagina Facebook 'Universo Psicologia' sul concetto di vendetta e lo ha commentato.

Visto a posteriori, in particolare il commento, potrebbe essere significativo di quanto il giovane universitario potrebbe aver covato all'interno della sua mente. "La vendetta - si legge nel post - nonostante sia un impulso comportamentale così primitivo, non rappresenta quasi mai la soluzione migliore. Questa, infatti ha dei costi psicologici notevoli per la persona che continua a rimuginare e ad alimentare risentimento ed emozioni negative. Esse, possono crocinizzare un livello di stress tale da mettere in pericolo la salute fisica e psicologica della persona. ( Stoia- Caraballo ndr)".

Il commento di Giovanni De Marco (evidentemente su Facebook l'universitario leccese utilizzava il suo secondo nome) è: "Un piatto da servire freddo... E' vero che la vendetta non risolve il problema ma per pochi istanti ti senti soddisfatto". A questo aggiunge due 'faccine'. De Marco aveva vissuto per poco meno di un anno e fino ad agosto scorso nella casa del delitto, dove aveva affittato una stanza convivendo con il proprietario Daniele De Santis, amministratore di condominio e arbitro di calcio, alla presenza occasionale o comunque temporanea di Eleonora Manta, la fidanzata di De Santis, impiegata Inps che da qualche giorno avevano deciso di vivere insieme e stabilmente nell’appartamento.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza