cerca CERCA
Sabato 23 Gennaio 2021
Aggiornato: 21:46

Lega, Bossi: "Nostri territori barattati per voti al Sud"

10 agosto 2020 | 15.16
LETTURA: 2 minuti

Da Gemonio il vecchio leader ribadisce la sua posizione, già espressa all'ultimo congresso della Lega, contraria alla svolta nazionalista di Salvini: "E' il Nord che deve muoversi. Non si doveva ammainare la bandiera della questione settentrionale". Poi la rivendicazione: "La mia Lega era anticorpo alla mafia che si infiltrava al nord"

alternate text
Fotogramma /Ipa
Roma, 10 ago. (Adnkronos)

di Francesco Saita

"Oggi il Nord viene barattato per i voti al Sud". Per Umberto Bossi, fondatore della Lega nord, la questione settentrionale, di nuovo al centro del dibattito leghista, con i venti frondisti che si levano da Lombardia e Veneto, resta il faro: "Io dico - spiega in una intervista alla Nuova Padania, che Adnkronos può anticipare nei passaggi salienti - che occorreva non avere paura di continuare a tenere alta la bandiera della questione settentrionale, anche se poi ti attaccano".

Da Gemonio il vecchio leader ribadisce la sua posizione, già espressa all'ultimo congresso della Lega nord, lo scorso dicembre, contraria alla svolta nazionalista di Salvini: "E' il Nord che deve muoversi", scandisce: "Perché tutto è rimasto come un tempo... . Neutralizzata anche la spinta federalista, la nostra devolution, oggi il Nord è al centro di uno scambio".

"Il Palazzo non ti dà niente, l’autonomia non te la vogliono dare, e si vede. Ma non è motivo per interrompere la battaglia - spiega ancora il Senatur - . Le ragioni del Nord sono vive e non sono cambiate. Il Nord fa ancora paura a Roma, senza la Lombardia e il Veneto l’Italia non è ricevuta da nessuno, non pesa economicamente, politicamente, commercialmente. Dove ci sono Lombardia e Veneto invece si vince"

Bossi ricorda i valori delle origini: La Lega è nata perché c'erano "due Italie con esigenze diverse, velocità diverse, una politica marcatamente assistenziale che non dava frutti. Il Nord era già in Europa, ma Roma guardava a Sud. Come oggi...". E ricorda anche la lotta alla mafia che si infiltrava al nord: volevamo dissequestrare le regioni "che stavano per finire nelle mani della mafia, della camorra, della ‘ndrangheta. Dopo i soggiorni obbligati, ci trovammo a fare i conti con i sequestri, con le infiltrazioni malavitose. Il Nord doveva reagire, e cacciare via i corpi estranei della criminalità organizzata, dovevamo creare gli anticorpi e l’anticorpo era la Lega, nemico delle mafie".

Bossi, guardando il paese di oggi, dice no all'assistenzialismo: "Il lavoro non deve venire dallo Stato che assiste, come accade ancora oggi al Sud". Anzi: "E' piuttosto l'economia che deve essere liberata dai blocchi di una burocrazia arroccata che dispensa favori in cambio di voti”.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza