cerca CERCA
Martedì 24 Maggio 2022
Aggiornato: 20:43
Temi caldi

L'ordinanza

Legge 104 e ferie: Cassazione fa chiarezza

28 luglio 2017 | 06.52
LETTURA: 2 minuti

alternate text
(Fotogramma) - FOTOGRAMMA

I giorni di congedo dal lavoro per assistere un parente malato, garantiti dalla Legge 104, non possono penalizzare il lavoratore nel computo delle ferie. E' quanto ha chiarito di recente la Corte di Cassazione con l'ordinanza numero 14187/2017, dichiarando "illegittima la decurtazione di due giorni di ferie annuali in conseguenza del godimento dei permessi concessi ex art. 33 della legge n. 104" e respingendo il ricorso di un'azienda nei confronti di un dipendente.

I permessi accordati in base alla Legge 104, "concorrono nella determinazione dei giorni di ferie maturati dal lavoratore che ne ha beneficiato". Il dipendente che 'perde' qualche giorno di lavoro per assistere un parente malato, non può dunque essere penalizzato in alcun modo, ma anzi, il suo diritto alle ferie "garantisce il ristoro delle energie a fronte della prestazione lavorativa svolta" e si rende ancor più necessario a fronte dell’assistenza ad un invalido, "che comporta un aggravio in termini di dispendio di risorse fisiche e psichiche".

L'ordinanza della Cassazione ricorda poi che i permessi per l' assistenza ai portatori di handicap, poggiano non solo sulla normativa interna, ma anche su quella internazionale, ovvero sulla Direttiva 2000/78/CE e sulla Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilità.

La funzione dei permessi legati alla 104, quindi, deve essere interpretata in modo da evitare "che l’incidenza sull’ammontare della retribuzione possa fungere da aggravio della situazione economica dei congiunti del portatore di handicap e disincentivare l’utilizzazione del permesso stesso".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza