cerca CERCA
Mercoledì 07 Dicembre 2022
Aggiornato: 12:11
Temi caldi

Lenovo inaugura il primo stabilimento di produzione in Europa

15 giugno 2022 | 14.44
LETTURA: 3 minuti

La fabbrica concentra le proprie risorse nella realizzazione di infrastrutture server, sistemi di storage e workstation PC di fascia alta

alternate text

Il colosso tech cinese Lenovo ha inaugurato il suo primo stabilimento di produzione interna in Europa. Con sede a Ullo, in Ungheria, lo stabilimento concentra le proprie risorse principalmente nella realizzazione di infrastrutture server, sistemi di storage e workstation PC di fascia alta utilizzati dai clienti di tutta la regione Europa, Medio Oriente e Africa. L'investimento, che amplia le attività produttive internazionali di Lenovo, ha un significativo potenziale economico per il settore pubblico e privato ungherese, grazie all'aumento della capacità produttiva, alla possibilità di collaborare meglio con i fornitori locali e alla creazione di nuovi posti di lavoro. Il sito impiega già più di mille dipendenti a tempo pieno in diversi ruoli ingegneristici, gestionali e operativi, un numero che continuerà ad aumentare man mano che l'impianto si avvicinerà alla piena capacità, fa sapere l'azienda. L'apertura dello stabilimento rientra nell'European Chip Act varato dalla UE, che prevede la fabbricazione interna nel continente di componentistiche hardware.

Con una superficie di quasi 50.000 metri quadrati distribuiti su due edifici e tre piani, il nuovo sito è una delle più grandi strutture produttive di Lenovo. La linea di produzione è in grado di produrre più di 1.000 server e 4.000 workstation al giorno, ognuno dei quali è costruito specificamente in base alle esigenze dei clienti. L'impianto è dotato di funzionalità di automazione, tra cui un sistema di gestione degli edifici che opera in officina e nell'area logistica per monitorare la temperatura, l'umidità, le condizioni degli asset e l'etichettatura robotica dei DIMM. Il nuovo edificio appositamente costruito è stato dotato di pannelli solari con una capacità di 0,5 megawatt, energia sufficiente ad alimentare l'equivalente di un piccolo villaggio. La realizzazione dei dispositivi a livello locale riduce inoltre drasticamente i chilometri di trasporto di questi prodotti, offrendo opzioni di trasporto più efficienti e sostenibili. Lo stabilimento ungherese fa parte della strategia di produzione e supply chain globale di Lenovo, che serve clienti in 180 mercati da oltre 35 siti produttivi in tutto il mondo, tra cui Argentina, Brasile, Cina, Germania, Ungheria, India, Giappone, Messico e Stati Uniti.

Francois Bornibus, Senior Vice President e EMEA President di Lenovo, ha commentato: "Con l'apertura ufficiale del nostro stabilimento di produzione in Ungheria abbiamo raggiunto una tappa fondamentale nell'ottimizzazione e nell'evoluzione della nostra rete produttiva globale. La posizione strategica dell'Ungheria ci rende molto più vicini ai nostri clienti europei, in modo da poter soddisfare e rispondere alle loro esigenze rimanendo all'avanguardia nell'innovazione. Poiché la nostra attività continua a crescere in tutto il mondo, questa nuova incredibile struttura svolgerà un ruolo fondamentale nei nostri piani di sviluppo futuri e per portare in Europa una tecnologia più intelligente per tutti in modo più sostenibile, rapido ed efficiente". Ésik Róbert, CEO dell'Agenzia ungherese per la promozione degli investimenti (HIPA), ha aggiunto: "Siamo lieti che Lenovo, leader del settore con una lunga storia nella produzione globale, abbia scelto di collaborare con noi e di collocare il suo nuovo stabilimento in Ungheria. Con il sito ora ufficialmente aperto, ci aspettiamo di vedere nuove opportunità di collaborazione per i fornitori locali che contribuiranno alla prosperità dell’ambiente economico ungherese".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza