cerca CERCA
Mercoledì 12 Maggio 2021
Aggiornato: 01:02
Temi caldi

Staminali, stampati in 3D i 'mattoncini' della vita

04 novembre 2015 | 08.59
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Passo avanti della ricerca per la costruzione di organi e tessuti in laboratorio. Scienziati cinesi e americani hanno messo a punto un metodo di stampa 3-D in grado di produrre 'blocchi' altamente uniformi di cellule staminali embrionali. Queste cellule 'bambine' - in grado di generare tutti i tipi di cellule del nostro corpo - potrebbero essere usate come 'mattoncini' Lego per costruire parti di tessuto e potenzialmente anche micro-organi. I risultati di questa affascinante ricerca sono stati pubblicati oggi su 'Biofabrication'.

"E' stato davvero emozionante vedere che potevamo coltivare un corpo embrioide in modo controllato", spiega Wei Sun, autore principale dello studio. "Il corpo embrioide coltivato, inoltre, è risultato uniforme ed omogeneo, ed è un buon punto di partenza per un'ulteriore crescita del tessuto". I ricercatori della Tsinghua University di Pechino e della Drexel University di Philadelphia hanno utilizzato un sistema di stampa in 3D per la produzione di una struttura a griglia tridimensionale studiata per far crescere il corpo embrioide, che ha dimostrato vitalità delle cellule e un rapido auto-rinnovamento per 7 giorni, pur mantenendo un'alta pluripotenza.

"Altri due comuni metodi per stampare queste cellule sono bidimensionali (in una capsula di Petri) o tramite la 'sospensione' (una 'stalagmite' di cellule è costruita da materiale caduto per gravità)", continua Wei Sun. "Tuttavia, questi sistemi non mostrano la stessa uniformità e una proliferazione cellulare omogenea. Penso che abbiamo prodotto un microambiente in 3-D molto più simile a quello che si trova in vivo per la coltivazione del corpo embrioide, cosa che spiega i livelli più elevati di proliferazione cellulare".

I ricercatori sperano che questa tecnica possa essere sviluppata ulteriormente, fornendo gli elementi di base per eseguire esperimenti sulla rigenerazione dei tessuti o per studi di screening sui farmaci. "Il nostro prossimo passo sarà quello di saperne di più su come possiamo variare la dimensione del corpo embrioide modificando i parametri di stampa e quelli strutturali, e in che modo proprio variare la dimensione del corpo embrioide conduca alla" fabbricazione "di diversi tipi di cellule", aggiunge Rui Yao, un altro autore.

"A lungo termine, vorremmo produrre corpi embrioidi eterogenei controllati", conclude Wei Sun. "Ciò dovrebbe aprire la strada alla crescita di micro-organi da zero in laboratorio".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza