cerca CERCA
Mercoledì 20 Gennaio 2021
Aggiornato: 15:06

Lettera con proiettile a presidente Confindustria Bergamo

29 giugno 2020 | 19.45
LETTURA: 1 minuti

Le minacce recapitate al quotidiano 'L'Eco di Bergamo'

alternate text
Adnkronos
Milano, 29 giu. (Adnkronos)

A due giorni di distanza dalle lettere con proiettili indirizzate al presidente di Confindustria Lombardia, Marco Bonometti, un proiettile calibro 6.25 è stato indirizzato al presidente di Confindustria Bergamo, Stefano Scaglia. La busta che lo conteneva è stata recapitata nella sede de 'l’Eco di Bergamo' e indicava come destinatario il direttore del quotidiano, Alberto Ceresoli. Lo riferisce lo stesso quotidiano.

Oltre al proiettile è stata trovata una lettera di rivendicazione, firmata da sedicenti 'Nuclei proletari lombardi'. "Il signor Stefano Scaglia di Confindustria - si legge nella missiva - sappia che non dimentichiamo mai. Una bara in più non si nega a nessuno mai o lui o un suo familiare. Sempre solo questo potrà ridare dignità a chi è morto sul lavoro. Dove non arriva il Covid arriviamo noi".

Il direttore del quotidiano, Ceresoli, ha allertato la polizia, che ha sequestrato busta, lettera e proiettile per i rilievi del caso. Dell’indagine si occupa la Digos di Bergamo.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza