cerca CERCA
Giovedì 16 Settembre 2021
Aggiornato: 00:37
Temi caldi

Open Arms

Libia, cadaveri di piccoli migranti sulla spiaggia: "Vergogna Europa"

25 maggio 2021 | 07.50
LETTURA: 2 minuti

Le immagini choc postate su Twitter dal fondatore della ong spagnola Open Arms

alternate text
Fotogramma

"Sono ancora sotto shock per l'orrore della situazione, bambini piccoli e donne che avevano solo sogni e ambizioni di vita. Sono stati abbandonati su una spiaggia a Zuwara in Libia per più di 3 giorni. A nessuno importa di loro". A scriverlo su Twitter è Oscar Camps, il fondatore della Ong spagnola Open Arms, postando le foto choc di corpi senza vita di bimbi riversi su una spiaggia del Paese nordafricano, vittime probabilmente dell'ennesimo naufragio. "Corpi abbandonati. Vite dimenticate. L’orrore tenuto lontano perché scompaia. Vergogna Europa", scrive l'ong.

"Le foto dei cadaveri di bambini e neonati naufragati su una spiaggia libica e abbandonati lì da giorni dovrebbero risvegliare le nostre coscienze e quella di tutta l'Europa. Come accade nel 2015 per la foto shock del piccolo Alan Kurdi riverso senza vita su una spiaggia turca. Invece l'Unione europea, nonostante le pressioni del l'Italia e degli altri Paesi mediterranei, si rifiuta perfino di affrontare il tema come è accaduto al Consiglio europeo straordinario ancora in corso. Il disinteresse e il silenzio dell'Europa sono indecenti e inaccettabili". Lo dichiarano i senatori cinquestelle delle commissioni Politiche europee e Affari Esteri di Palazzo Madama.

"E' urgente - proseguono - un nuovo patto europeo sull'immigrazione che non solo preveda meccanismi obbligatori di redistribuzione dei richiedenti asilo ma un approccio europeo coordinato verso i Paesi di origine e transito dei flussi migratori, Libia compresa, per contrastare i trafficanti e fermare le partenze, garantire canali legali e sicuri e gestire il rimpatrio dei migranti economici. Gli egoismi nazionali europei non possono più impedire una soluzione".

"L'Europa - concludono - ha il dovere di agire subito per fermare questa disumana tratta di esseri umani che, oltre a mettere sotto ingestibile pressione i Paesi di sbarco, provoca continue stragi di innocenti che nessun essere umano può accettare".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza