cerca CERCA
Domenica 13 Giugno 2021
Aggiornato: 18:25
Temi caldi

Libia, Erdogan: "Lezione a Haftar se attacca ancora"

14 gennaio 2020 | 11.33
LETTURA: 3 minuti

Il presidente turco dopo che il capo dell'autoproclamato Esercito nazionale libico si è rifiutato di firmare l'accordo sul cessate il fuoco elaborato da Ankara e Mosca: "E' fuggito da Mosca dimostrando che vuole la guerra". Trudeau: "Tragedia colpa dell'escalation"

alternate text
(Foto Afp)

La Turchia è pronta a ''dare una lezione'' al generale Khalifa Haftar. Lo ha dichiarato il presidente turco Recep Tayyip Erdogan intervenendo a una riunione ad Ankara del suo partito, l'Akp, dopo che il capo dell'autoproclamato Esercito nazionale libico si è rifiutato di firmare l'accordo sul cessate il fuoco in Libia elaborato da Ankara e Mosca. ''Haftar è fuggito da Mosca, dimostrando la sua intenzione di voler continuare la guerra'', ha sottolineato Erdogan ricordando come il governo di accordo nazionale del premier Fayez al-Serraj si è dimostrato invece ''conciliante''.

''Se gli attacchi di Haftar continueranno, la Turchia non si risparmierà dal dargli una lezione'', ha detto Erdogan, aggiungendo che ''la Turchia resterà in Libia fino a quando verrà garantita la libertà e la stabilità dei libici''.

Ankara ''non ha alcuna mira imperialistica in Libia, in Siria o nel Mediterraneo'', ma intende solo ''proteggere i diritti e il futuro della Turchia'', ha detto ancora Erdogan. "Non abbiamo ambizioni imperialistiche in Libia, in Siria o nel Mediterraneo. I nostri occhi non sono accecati dal petrolio o dai soldi. Il nostro unico obiettivo è quello di proteggere i diritti, la legge e il futuro di noi stessi e dei nostri fratelli'', ha affermato.

La Turchia è pronta a ''fermare il regime'' di Damasco se ''violerà la tregua'' entrata in vigore alla mezzanotte di domenica per la provincia di Idlib, nella Siria nordoccidentale, ha dichiarato poi il presidente turco aggiungendo: ''Il cessate il fuoco a Idlib va rispettato per impedire che 400mila rifugiati si riversino ai confini turchi''.

In ogni caso la Turchia e il governo di accordo nazionale di al-Serraj ''hanno fatto la loro parte'' per l'accordo sul cessate il fuoco in Libia. Ora ''tocca alla Russia fare la sua parte con Haftar''.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza