cerca CERCA
Sabato 16 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:32
Temi caldi

Libia: Infocamere, a rischio export per oltre 1.500 imprese

20 febbraio 2015 | 18.20
LETTURA: 2 minuti

Elaborazione su dati Registro delle Imprese e Agenzia delle Dogane. La stima dei danni alle aziende della Camera di commercio Italafrica Centrale e le previsioni per il turismo. L'intervista all'economista Loretta Napoleoni.

alternate text

Oltre 1.500 imprese italiane rischiano di pagare lo stop dell’export causa l’escalation della crisi libica. Nel III trimestre 2014 sono state infatti 1.569 le aziende coinvolte in operazioni commerciali con la Libia. Questo quanto emerge da un’elaborazione di InfoCamere - la società che gestisce il patrimonio informativo delle Camere di Commercio Italiane - su dati Registro delle Imprese e Agenzia delle Dogane.

Un terzo di quelle che tra giugno e settembre hanno esportato i loro prodotti sull’altra sponda del Mediterraneo hanno sede nel Nord-Ovest (532 unità). Seguono le aziende del Nord-Est con circa 490 realtà (30,7%) e del Centro (289 imprese per un peso percentuale pari al 18,4%). Il restante 17% è imputabile alle imprese del Mezzogiorno. L'analisi per settore mostra come il 53,3% delle imprese esportatrici appartenga al settore manifatturiero. Seguono il commercio (31,2%), i trasporti (4,3%) e l’edilizia (3,9%).

Se si guarda al numero assoluto delle operazioni effettuate dalle imprese italiane verso il Paese nordafricano, nel periodo considerato, ne risultano concluse poco più di 4mila, circa 3 per impresa. In media le più attive sono state le aziende del Nord-Est (3,4 operazioni a testa) e quelle appartenenti al settore dei servizi professionali che fanno segnare quasi 12 operazioni in media.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza