cerca CERCA
Venerdì 22 Gennaio 2021
Aggiornato: 02:01

Libia, Serraj: "Tripoli è stata liberata"

04 giugno 2020 | 19.07
LETTURA: 1 minuti

Le forze sotto il comando del governo di accordo nazionale libico (Gna) hanno annunciato la riconquista di tutto il territorio della capitale

alternate text
(Afp)
Ankara, 4 giu. (Adnkronos)

"Non permetteremo a un golpista di controllare il futuro della Libia". Lo ha dichiarato il capo del consiglio presidenziale libico, Fayez al-Serraj, riferendosi al generale Khalifa Haftar. "Tripoli è stata liberata", ha aggiunto Serraj nel corso di una conferenza stampa con il presidente turco, Recep Tayyip Erdogan.

"Nella prossima fase non accetteremo negoziati con Khalifa Haftar" ha scandito al-Serraj, e "condurremo la nostra lotta fino al completo annientamento del nostro nemico". Proprio oggi le forze sotto il comando del governo di accordo nazionale libico (Gna) hanno annunciato la riconquista di tutto il territorio della capitale Tripoli.

Erdogan dal canto suo ha annunciato di aver "concordato" con al-Serraj di "ampliare la portata della nostra cooperazione sul territorio libico". "Prevediamo di far progredire la nostra collaborazione al fine di sfruttare le ricchezze naturali nel Mediterraneo orientale", ha aggiunto Erdogan, citato dall'agenzia 'Anadolu'.

Il presidente turco ha quindi sottolineato che il "golpista" Haftar non ha alcuna legittimità per potersi sedere al tavolo delle trattative, evidenziando che la Turchia "non lascerà mai i nostri fratelli libici in balia dei golpisti". "La storia giudicherà quelli che stanno causando spargimenti di sangue in Libia sostenendo il golpista Haftar", ha proseguito Erdogan, secondo il quale "Serraj e il suo governo hanno sempre adottato un atteggiamento positivo nonostante i crimini di guerra e contro l'umanità commessi da Haftar e dalle sue bande".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza