cerca CERCA
Domenica 28 Novembre 2021
Aggiornato: 13:27
Temi caldi

Cassazione: imputato sardo? Va processato nella sua lingua

12 dicembre 2014 | 16.52
LETTURA: 3 minuti

Secondo gli Ermellini "il cittadino italiano appartenente a una minoranza linguistica riconosciuta, nell'ambito di ogni procedimento pubblico cui lo sesso sia interessato, ha il diritto di essere interrogato o esaminato nella madrelingua"

alternate text
(foto Infophoto) - INFOPHOTO

Il sardo? Altro che dialetto, "costituisce patrimonio di una minoranza linguistica riconosciuta" pertanto chi finisce alla sbarra ha diritto ad essere interrogato nella madrelingua. Stesso discorso per il relativo verbale: va scritto in sardo, "a pena di nullità" del procedimento. A scendere in campo a difesa della "lingua sarda" è la Cassazione che, legge 482 del 1999 alla mano, ricorda che "il cittadino italiano appartenente a una minoranza linguistica riconosciuta, nell'ambito di ogni procedimento pubblico cui lo sesso sia interessato, ha il diritto di essere interrogato o esaminato nella madrelingua e di vedere redigere in tale lingua il relativo verbale. Ha altresì il diritto di ricevere tradotti nella predetta lingua, a pena di nullità, gli atti del procedimento a lui indirizzati successivamente alla corrispondente richiesta dallo stesso avanzata all'autorità investita del procedimento".

Va detto che nel caso analizzato dalla Quarta sezione penale, il ricorrente - l’indipendentista sardo Salvatore 'Doddore' Meloni cui era stata revocata l'ammissione al gratuito patrocinio - che rivendicava di essere stato processato in italiano e non nella sua lingua, "il dialetto sardo campidanese", si è visto respingere il ricorso solo perché agli atti non era stata allegata la deliberazione del Consiglio provinciale di Oristano "al fine di verificare l'effettiva inclusione del comune di Terralba nell'ambito territoriale interessato dalle prerogative di tutela" previste dalla legge 482 del 1999.

La Suprema Corte, infatti, spiega che "al fine di rivendicare il diritto all'applicazione delle disposizioni dettate a tutela delle minoranze linguistiche storiche, il richiedente" è tenuto a "fornire la prova delle formale inclusione del territorio in cui lo stesso risiede tra quelli espressamente individuati nei provvedimenti amministrativi provinciali o comunali". Diversamente il processo va avanti in italiano. Tra le lingue meritevoli di tutela anche davanti ai giudici ci sono pure il "friulano, il ladino, l'occitano".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza