cerca CERCA
Domenica 24 Ottobre 2021
Aggiornato: 00:45
Temi caldi

Roma: lite tra stranieri ubriachi a piazza Vittorio, aggredito con tondino di ferro

16 luglio 2014 | 10.55
LETTURA: 2 minuti

I carabinieri hanno arrestato un afgano di 24 anni, senza fissa dimora e già conosciuto dalle forze dell'ordine. La vittima, un marocchino, è stata trattenuta in osservazione in ospedale e le sue condizioni non destano preoccupazione

alternate text

Una discussione, poi l'aggressione del 'contendente', ripetutamente colpito con un tondino di ferro. Teatro dell'ennesima lite tra due stranieri ubriachi è piazza Vittorio, quartiere multietnico per eccellenza della Capitale, dove, nella serata di ieri, i Carabinieri del Nucleo Radiomobile di Roma hanno arrestato un afgano di 24 anni, nella Capitale senza fissa dimora e già conosciuto alle forze dell'ordine, con le accuse di lesioni personali aggravate e porto abusivo di oggetti atti ad offendere.

Era stato proprio il ragazzo, nel corso di una banale discussione con un 34enne marocchino, che, forse dopo aver alzato un po' troppo il gomito, ha afferrato un tondino in ferro che portava con sé colpendo più volte il ''contendente'', ed è poi scappato in direzione dei giardini ''Nicola Calipari''. Un passante ha notato la scena e ha immediatamente attivato il 112: le ''gazzelle'' del Nucleo Radiomobile di Roma sono intervenute nel punto indicato, prestando assistenza alla vittima e, contemporaneamente, iniziando una battuta di ricerche dell'aggressore.

Dopo pochi minuti il giovane afgano è stato rintracciato proprio mentre camminava intorno ai giardini di piazza Vittorio Emanuele II. Sottoposto alla perquisizione personale, il giovane è stato trovato ancora in possesso del tondino utilizzato nell'aggressione.

Il bastone è stato sequestrato mentre per il 24enne sono scattate le manette ai polsi. La vittima, nel frattempo, è stata trasportata in ambulanza all'ospedale ''San Giovanni Addolorata'' dove è stata trattenuta in osservazione. Le sue condizioni non desterebbero preoccupazione. Il ragazzo afgano si trova, ora, nel carcere di Regina Coeli, dove rimarrà a disposizione dell'Autorità Giudiziaria.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza