cerca CERCA
Lunedì 20 Settembre 2021
Aggiornato: 23:48
Temi caldi

Lo studio: "Peggiora mobilità lavoratori, mercato ancora rigido"

26 aprile 2017 | 12.45
LETTURA: 3 minuti

alternate text

Nel primo trimestre 2017, rispetto a quello precedente, la mobilità dei lavoratori è cresciuta di due punti a livello globale, passando da 108 a 110 punti. Il mercato italiano, invece, si conferma più rigido della media, con un peggioramento di due punti che porta l’indice di mobilità da 103 a 101. Emerge dall’Entrepreneurship Outlook 2017 del Randstad Workmonitor, indagine trimestrale sul mondo del lavoro, condotta in 33 Paesi del mondo su un campione di 400 lavoratori dipendenti per ogni nazione di età compresa fra 18 e 67 anni.

Il 79% dei lavoratori italiani non ha cambiato né mansione né datore di lavoro negli ultimi sei mesi, il 13% dei dipendenti ha cambiato soltanto azienda, un altro 6% ha cambiato ruolo all’interno della stessa società, solo il 2% ha cambiato sia l’impresa che la posizione ricoperta.

Inoltre, soltanto il 4% degli italiani sta attivamente cercando un altro lavoro, il 7% sta selezionando nuove opportunità, il 24% non si sta impegnando attivamente nella ricerca ma se capitasse un’occasione sarebbe aperto ad ogni possibilità, il 26% si sta guardando attorno ma senza particolari impegno e aspettative, mentre ben il 39% dichiara di non cercare lavoro.

Pur occupando stabilmente la seconda metà della classifica, nel complesso gli italiani sono contenti della loro situazione occupazionale: il 66% è soddisfatto, il 25% non esprime un giudizio né positivo né negativo, mentre solo il 9% è insoddisfatto del proprio lavoro.

Nell’ultimo trimestre, gli italiani sembrano guardare alle opportunità del mercato del lavoro con una maggiore serenità rispetto ad altri momenti. Solo il 7% dei lavoratori, infatti, teme di perdere il posto (due punti in meno rispetto allo scorso trimestre; il 6% fra gli uomini, l’8% fra le donne). Il 50% degli intervistati è fiducioso nella possibilità di trovare un’occupazione analoga (+5% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno; 56% fra gli uomini, 44% fra le donne), mentre il 47% pensa sia possibile la sostituzione ma con un lavoro diverso (+6% rispetto ad un anno fa; 52% fra gli uomini, 43% fra le donne).

Randstad Holding nv è la multinazionale olandese attiva dal 1960 nella ricerca, selezione, formazione di Risorse Umane e somministrazione di lavoro.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza