cerca CERCA
Mercoledì 19 Gennaio 2022
Aggiornato: 18:14
Temi caldi

Lombardia: Irccs San Donato, Giorgio Serino responsabile Pronto soccorso

03 aprile 2014 | 17.31
LETTURA: 3 minuti

Milano, 3 apr. (Adnkronos Salute) - Giorgio Serino, milanese, specialista in medicina interna, immuno-reumatologia e allergologia, è il nuovo responsabile del Pronto soccorso dell'Irccs Policlinico San Donato. Già responsabile della Medicina interna e della Medicina vascolare dell'Istituto alle porte del capoluogo lombardo, Serino coordina oggi una squadra di oltre 50 professionisti tra medici internisti, chirurghi, infermieri specializzati e personale amministrativo specificamente dedicato al Pronto soccorso, ai quali si aggiungono gli specialisti presenti in ospedale 24 ore (cardiologi, rianimatori, traumatologi, cardiochirurghi) e quelli sempre reperibili per i consulti (neurologi, chirurghi vascolari, chirurghi plastici, emodinamisti, cardiologi pediatri e gastroenterologi).

"Ho trovato un'équipe medica giovane e capace e uno straordinario team di infermieri - afferma il nuovo responsabile - Abbiamo buoni ingredienti, possiamo combinarli in un'ottima ricetta per il nostro territorio, sviluppando ulteriormente l'interazione con i reparti specialistici del nostro ospedale e con i cittadini. Dobbiamo far conoscere il Pronto soccorso di una grande area metropolitana per quello che è: una realtà spesso difficile, dove si prendono decisioni importanti in pochi istanti e in contesti molto complessi, ma dove tutti vengono accolti e dove si lavora con dedizione e passione". Nel 2013 il Pronto soccorso del San Donato ha accolto 27.796 persone (528 in codice rosso, quello dell'emergenza), ma solo nei primi 2 mesi del 2014 si sono registrati 4.651 accessi. Gli ultimi mesi sono stati un periodo di "grande stress - riferisce una nota dall'Irccs - Gli accessi alle cure in emergenza sono aumentati in tutta la Lombardia e specialmente nell’area metropolitana milanese".

"Per migliorare l'efficacia del nostro intervento - illustra Serino - abbiamo istituito dei veri e propri percorsi diagnostico-terapeutici, condivisi con la direzione sanitaria e i responsabili delle singole unità operative, in modo da rendere più controllato e uniforme in ogni momento l'iter di ciascun paziente". Grazie a una nuova tecnologia informatica, presto anche i parenti che attendono in Pronto soccorso potranno vedere su un apposito schermo a che punto del percorso di diagnosi e cura si trova il loro congiunto, contrassegnato da un codice numerico: se viene visitato, se sta facendo un esame diagnostico, se sta per uscire. Sono previsti inoltre alcuni miglioramenti per rendere più accoglienti le sale comuni e d'attesa, dotandole di nuovi televisori. In programma anche una serie di incontri con la popolazione per condividere il tema 'Pronto Soccorso: istruzioni per l'uso'.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza