cerca CERCA
Mercoledì 27 Gennaio 2021
Aggiornato: 01:02

Lombardia zona arancione, Galli: "Ormai scelte politiche"

28 novembre 2020 | 21.34
LETTURA: 1 minuti

alternate text
(Fotogramma)
Milano, 28 nov. (Adnkronos)

Massimo Galli è cauto sulla Lombardia 'zona arancione'. "Non ho voglia di parlare di scale cromatiche, sono scelte di tipo politico a questo punto", dice a Otto e Mezzo, su La7, il primario infettivologo dell'ospedale Sacco di Milano e docente all'Università Statale del capoluogo lombardo. "Quelli che dovevano parlare come esperti hanno parlato a suo tempo, non mi risulta che siano stati interpellati. La mia opinione è chiara, io ritengo che se non si manterranno tutta una serie di precauzioni andremo di nuovo a sbattere", sottolinea.

"La seconda ondata è già costata 15mila morti, sono stanco di consolare parenti", aggiunge. In ospedale, racconta, "ho incontrato un serie di colleghi e il parere è unanime: siamo felici che il pronto soccorso non sia più come prima, ma non è quello di prima da pochi giorni".

E ancora: "A fronte di una discesa importante" dei ricoveri, "si consiglierebbe di fare tutto il possibile per mantenere questo trend. Ci saranno dei problemi se non saremo capaci di mantenerlo".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
L´ informazione continua con la newsletter

Vuoi restare informato? Iscriviti a e-news, la newsletter di Adnkronos inviata ogni giorno, dal lunedì al venerdì, con le più importanti notizie della giornata

Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza