cerca CERCA
Lunedì 26 Settembre 2022
Aggiornato: 05:29
Temi caldi

Rosi: Luigi De Filippo, grande regista, grande Napoletano e un amico caro

10 gennaio 2015 | 16.53
LETTURA: 2 minuti

La sua scomparsa è un grande dispiacere. Aveva l'ironia, l'umorismo, aveva quella filosofia particolarmente partenopea che gli ha permesso di girare film unici, portabandiera nel denunciare cose che andavano molto male, come "Le mani sulla città", "Salvatore Giuliano", "I magliari"

alternate text
Luigi De Filippo

La scomparsa di Francesco Rosi è "un grande dispiacere, non solo perché se ne è andato un essere umano di quella portata, intelligente, sensibile, ma anche perché se ne è andato un grande regista. Con alcuni suoi film è stato un portabandiera nel denunciare cose che andavano molto male, penso a "Le mani sulla città", "Salvatore Giuliano", "I magliari"". A parlare così è l'attore e regista Luigi De Filippo, che di Rosi era "amico. Frequentavamo insieme il liceo Umberto I° a Napoli - racconta all'Adnkronos - Insomma ci conoscevamo e stimavamo da tanti anni. Ne sentirò la mancanza, ma non sarò il solo. Ha scritto pagine indimenticabili del cinema italiano".

Uomo "intelligente Francesco Rosi è stato un grande napoletano perché aveva l'ironia, l'umorismo, aveva quella filosofia particolarmente napoletana che gli ha permesso di girare film unici. Quando manca una grande intelligenza così, ne subisce la perdita tutta l'umanità, non solo l'Italia".

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza