cerca CERCA
Venerdì 02 Dicembre 2022
Aggiornato: 18:07
Temi caldi

M5S, Grillo 'divorzia' da Farage: voto online a sorpresa

08 gennaio 2017 | 10.52
LETTURA: 4 minuti

alternate text
(Xinhua)

'Divorzio' in Europa tra il M5S e l'Ukip, il partito degli euroscettici britannico un tempo capitanato da Nigel Farage. Dopo mesi di frizioni, Beppe Grillo con un post a sorpresa sul blog dà la parola alla Rete, invitando gli attivisti a decidere sul gruppo europeo. Tre le opzioni tra le quali i militanti sono chiamati a scegliere sul blog del leader 5 Stelle: confluire nel gruppo politico Alde; confluire nel raggruppamento dei Non Iscritti; Rimanere nel gruppo politico Efdd", nato dall'unione con l'Ukip e formato anche da gruppi politici minori. Si vota dalle 10 alle 19 di oggi e dalle 10 alle 12 di domani, 9 gennaio.

La base sgomenta: "A quanto la sviolinata a Napolitano?"

In un lungo post, Grillo spiega i motivi della scelta che ha portato a restituire la parola alla Rete, come al principio, quando i grillini approdarono a Bruxelles. "I recenti avvenimenti europei, come la Brexit - spiega a proposito dell'Ukip - ci portano a ripensare alla natura del gruppo Efdd. Con lo straordinario successo del Leave, Ukip ha raggiunto il suo obiettivo politico: uscire dall’Unione europea. Parliamo di fatti concreti: Farage ha già abbandonato la leadership del suo partito e gli eurodeputati inglesi abbandoneranno il Parlamento europeo nella prossima legislatura. Fino ad allora, i colleghi inglesi saranno impegnati a valorizzare le scelte che determineranno il futuro politico del Regno Unito".

La virata di Grillo, Verhofstadt da impresentabile ad alleato

"Abbiamo studiato le percentuali di voto condiviso con Ukip e le atre delegazioni minori: la cifra non supera il 20%. Molto poco. Rimanere in Efdd - illustra Grillo - equivale ad affrontare i prossimi due anni e mezzo senza un obiettivo politico comune, insieme a una delegazione che non avrà interesse a portare a casa risultati concreti".

"Ci ritroviamo nelle condizioni di rimanere in Parlamento con le prerogative derivanti dall'appartenenza a un gruppo politico, ma senza la possibilità di fare il massimo per realizzare il programma del MoVimento 5 Stelle in Europa". Ma tra le righe, anche un'accusa. "Non nascondiamo anche un certo disagio - scrive Grillo - rispetto all’utilizzo improprio di capitali delle Fondazioni (a cui noi abbiamo rinunciato e continueremo a rinunciare) da parte di alcuni colleghi di Efdd, in riferimento alle notizie pubblicate e da cui prendiamo le dovute distanze".

SORPRESA - A quanto apprende l'Adnkronos, la votazione avviata oggi sul blog di Grillo ha colto di sorpresa molti europarlamentari M5S. I più non sapevano dell'improvvisa accelerazione, anche se il 'divorzio' con l'Ukip era nell'aria ormai da tempo e i tentativi portati avanti con i Verdi a dicembre, e poi falliti, resi noti a tutti. Ma in molti, tra i 5 Stelle, non vedono di buon occhio un'alleanza con l'Alde. A pesare anche la posizione favorevole dell'Alde nei confronti del Ttip, il Trattato transatlantico sul commercio e gli investimenti a cui i 5 Stelle danno battaglia da sempre, in Europa come in Italia. Intanto Grillo domani nel pomeriggio, a quanto apprende l'Adnkronos, dovrebbe raggiungere Bruxelles con Davide Casaleggio proprio per affrontare il nodo politico con i suoi.

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza