cerca CERCA
Mercoledì 17 Agosto 2022
Aggiornato: 06:48
Temi caldi

M5S, Grillo studia mosse per uscire da impasse

08 febbraio 2022 | 20.27
LETTURA: 3 minuti

Ipotesi voto per nuovo Comitato di garanzia

alternate text
(Fotogramma/Ipa)

Toccherà ancora una volta all'Elevato sbrogliare la matassa. Il 'day after' del Movimento 5 Stelle dopo l'ordinanza del Tribunale di Napoli che ha 'congelato' il nuovo statuto del M5S e l'elezione di Giuseppe Conte come leader, è all'insegna del silenzio. Ci pensa Beppe Grillo, con un intervento sui social, a indicare la rotta. A seguito della decisione dei giudici, scrive il garante pentastellato, "ha acquisito reviviscenza lo statuto approvato il 10 febbraio 2021. Le sentenze si rispettano. La situazione, non possiamo negarlo, è molto complicata". "In questo momento non si possono prendere decisioni avventate", il monito di Grillo, che annuncia: "Promuoverò un momento di confronto anche con Giuseppe Conte".

Leggi anche

Nel frattempo, il cofondatore del Movimento invita "tutti a rimanere in silenzio e a non assumere iniziative azzardate prima che ci sia condivisione sulla strada da seguire". L'appello non cade nel vuoto, perché poche ore dopo Conte decide di annullare la sua partecipazione alla puntata di 'Porta a Porta' che andrà in onda in serata. E in attesa del summit dello stato maggiore M5S (si parla di una prossima riunione "allargata" con Grillo, Conte e i big del Movimento), il comico genovese, affiancato dai suoi avvocati, studia le possibili contromosse per 'salvare' la sua creatura politica.

"Innanzitutto - spiegano all'Adnkronos fonti vicine all'Elevato -, Beppe potrebbe nominare il nuovo Comitato di garanzia, visto che l'attuale organo è decaduto insieme a tutte le altre cariche statuarie del Movimento". Si tratta di un passaggio necessario, viene sottolineato, perché da vecchio statuto, in assenza del Comitato direttivo (cioè l'organo collegiale voluto dagli iscritti in occasione degli ultimi Stati generali), è il presidente del Comitato di garanzia a determinare "le modalità di svolgimento e votazione dell'assemblea" degli iscritti. Il Comitato di Garanzia è composto da tre membri eletti mediante consultazione online, all'interno di una rosa di almeno sei nominativi proposti dal garante. Stando sempre al vecchio statuto, all'interno di questo organo non potranno sedere parlamentari o consiglieri: "La carica di componente del predetto Comitato è incompatibile con qualsivoglia carica elettiva", si legge.

"A questo punto - proseguono le stesse fonti - si apre un bivio: Grillo può scegliere di far votare i cinque membri del Comitato direttivo così come deciso dagli iscritti agli Stati generali del 2020; oppure può indire un voto sul nuovo statuto di Conte allargando la votazione agli iscritti con meno di sei mesi di anzianità", chiedendo dunque la ratifica delle delibere sospese in via provvisoria. Quest'ultima è la soluzione preferita da Conte, come tra l'altro si intuisce dalla nota diramata ieri dal Movimento. Resta però il nodo della piattaforma: le votazioni dovranno svolgersi su Rousseau, come vuole il precedente statuto, o sul nuovo portale SkyVote? "In entrambi i casi il rischio di impugnazione è dietro l'angolo", ammette una fonte vicina a Grillo.

Insomma, non sarà semplice uscire dal guado. Conte lo sa bene e continua a sondare tutte le piste. Oggi l'avvocato di Volturara Appula ha incontrato la capogruppo al Senato Mariolina Castellone e continuato a confrontarsi con i suoi legali. Movimento 5 Stelle 'decapitato'? "E' solo un'immagine di fantasia, che vuol dire 'decapitato'? Per fortuna la decapitazione non esiste più, nessuno può decapitare nessuno. I giornalisti hanno utilizzato questa immagine, ma è appunto un'immagine di fantasia", dice all'Adnkronos l'avvocato Francesco Astone, il legale che sta seguendo per Conte e per i vertici del M5S il caso di Napoli.

"L'ordinanza del Tribunale di Napoli è una mera sospensione, siamo in attesa della definizione del giudizio, poi leggeremo la sentenza. Il partito ha certamente un leader, ma non compete a me dirlo", prosegue l'avvocato. "La nostra strategia è chiarissima sin dall'inizio di questo giudizio", insiste Astone, dicendosi "assolutamente fiducioso". Il timore che serpeggia nel Movimento è che, alla luce dell'ordinanza del Tribunale, il M5S non possa presentare le liste elettorali, se necessario. Conte ha perso tutti i poteri di firma, quindi? "Questo è completamente estraneo alla causa, il M5S provvederà e farà per il meglio. E' un aspetto che fuoriesce dal giudizio", si limita a rispondere Astone.

(di Antonio Atte)

Riproduzione riservata
© Copyright Adnkronos
Tag
Vedi anche
ora in
Prima pagina
articoli
in Evidenza